Batterie ricaricabili

Le batterie ricaricabili sono magazzini portatili di energia. Alimentano i nostri fari, lanterne, dispositivi GPS, macchine fotografiche, lettori musicali e altro ancora. La batteria ideale vi darà un equilibrio di lunga durata, alte prestazioni, costo equo e basso impatto ambientale. Per ottenere questo, dovete sapere cosa state cercando, il che può essere difficile quando si inizia a scavare nei dettagli su elettrodi, catodi e diversi tipi di metallo.

In questa guida, vi guidiamo attraverso le opzioni e includiamo i pro e i contro dei diversi tipi di batterie in quanto si riferiscono specificamente agli utenti outdoor, come gli escursionisti, i ciclisti, gli sciatori e gli scalatori.

Batterie ricaricabili dove comprarle

Offerta
Batterie AA Stilo POWEROWL 2800mAh ad Alta Capacità 1,2V Batterie Ricaricabili AA NI-MH Diametro 14.4mm a Basso Consumo (12 pezzi, ricaricabile circa 1200 volte)
  • Batteria ricaricabile POWEROWL: 12 batterie ricaricabili AA Ni-MH da 2800mAh 1.2V
  • Scarico ridotto: le batterie AA ricaricabili possono essere ricaricate oltre 1200 volte e una bassa autoscarica migliorata mantiene...
  • Precarica: tutte le batterie AA di Powerowl vengono fornite parzialmente caricate, ma è preferibile caricare completamente ciascuna...
  • Compatibile con le applicazioni: Batterie aa si adatta a fotocamere, mouse per PC, telecomandi, giocattoli elettronici, giochi...
  • Sicura: Per motivi di sicurezza le pile aa non sono cariche completamente all’arrivo, vi prego di caricarle al 20% la prima volta che...

AmazonBasics - Batterie AA ricaricabili, ad alta capacità, pre-caricate, confezione da 4 (l’aspetto potrebbe variare dall’immagine)
  • Batterie ricaricabili AA, ad alta capacità (Confezione da 4, 2400 mAh); ideali per l’uso professionale o quotidiano
  • Batteria a lunga autonomia; autoscarica graduale; mantiene il 70% dell’energia per 6 mesi e il 50% per 12 mesi
  • Sono pre-caricate e pronte all'uso; anche dopo 3 anni possono essere ricaricate completamente, fino al 100% della capacità; possono...
  • Spedite in confezione certificata, di facile apertura; riciclabili; coperte da garanzia limitata AmazonBasics di 1 anno
  • Lo stesso prodotto, con un nuovo look! L’aspetto delle batterie può variare rispetto all’immagine

Batterie AA Ricaricabili, POWEROWL 8 Pezzi 2800 mAh Batterie 1,2V Ni-MH 1200 cicli Alta Capacità con Caricabatterie 8 Slot (Ricarica Rapida USB, Slot Indipendente)
  • Pacchetto: 1 * Caricabatterie smart Powerowl, 1 * Manuale dell'utente, batterie ricaricabili AA 8 * 2800mAh, 1 * cavo di ricarica USB
  • Caricabatterie a 8 alloggiamenti AA AAA, carica un numero qualsiasi di batterie ricaricabili AA AAA per semplificare la ricarica.
  • Caricabatterie intelligente, caricabatterie intelligente POWEROWL superato la certificazione UL viene fornito con controllo chip,...
  • Batterie di alta qualità: le batterie Powerowl hanno superato la certificazione UL degli Stati Uniti, possono essere ricaricate oltre...
  • Si prega di notare:Caricabatterie Solo per batterie NiMH NiCD.Non caricare batterie alcaline o al carbonio;Tenere lontano dal fuoco

Una batteria ricaricabile è misurata dalla sua capacità di carica, che è indicata in mAh (milliampere ore). Questo numero è stampato sulla confezione, così come sulla batteria stessa. La capacità è la quantità di carica elettrica immagazzinata all’interno della batteria. Più carica c’è in una batteria, più corrente elettrica può erogare e più a lungo può alimentare il dispositivo. Per le batterie ricaricabili AA, troverete capacità comprese tra 1.300mAh e 2.900mAh le batterie ricaricabili AAA vanno da 500mAh a 1.100mAh. Le batterie ricaricabili possono essere ricaricate e riutilizzate da 500 a 1000 volte a seconda dell’utilizzo. Le diverse tecnologie delle batterie influenzano le prestazioni delle batterie.

Esistono 3 tipi principali di batterie ricaricabili:

NiCd (Nichel-Cadmio)
NiMH (nichel-metallo idruro)
Li-ion (ioni di litio)

NiCd (Nichel-Cadmio)

Il NiCd è ormai la tecnologia più vecchia, queste batterie sono abbastanza economiche perché soffrono di problemi di “memoria”.
La regola d’oro con il NiCd è quella di scaricarle completamente ogni volta prima di ricaricarle di nuovo, in questo modo saranno sempre al massimo delle loro prestazioni.
Il NiCd può essere “ciclato” circa 1000 volte, o ricaricato una volta al giorno per circa 3 anni prima di morire.
Le batterie NiCd hanno un voltaggio inferiore rispetto ai loro omologhi standard

NiMH (nichel-metallo idruro)

Le batterie NiMH sono più costose, ma per tutta la loro durata possono essere parzialmente scaricate e caricate quante volte si vuole (fino a circa 1000 volte) e avranno sempre la piena capacità.
Capacità molto più grande di quella delle NiCd, che hanno sostituito
Molto comune, quindi è facile trovare sia batterie che caricabatterie

Li-ion (ioni di litio)

Le batterie agli ioni di litio risolvono entrambi i problemi associati agli altri due tipi di batterie (a piena tensione e senza problemi di memoria)
Non disponibile in tensione standard, ad eccezione del formato 9V (AAA, AA, C, e D-size Li-ion messo fuori 3,7V invece di 1,5V)
Richiede un caricabatterie speciale

A. Posso utilizzare batterie ricaricabili in dispositivi che utilizzano batterie monouso o alcaline?

Sì. Nella maggior parte dei casi, le batterie al nichel-metallo idruro (NiMH) possono sostituire le batterie primarie (monouso), soprattutto per i dispositivi elettronici ad alto consumo. I vantaggi principali sono che dopo l’investimento iniziale vi faranno risparmiare denaro, poiché potrete riutilizzare queste batterie centinaia di volte e hanno l’ulteriore vantaggio di aiutare l’ambiente risparmiando le materie prime ed evitando lo spreco di batterie monouso che alla fine potrebbero finire nel terreno.

Ci possono essere alcuni dispositivi in cui le batterie ricaricabili potrebbero non essere adatte, ad esempio alcune marche di radio DAB in cui vengono utilizzate quattro o sei batterie in serie, e la differenza di tensione tra le batterie ricaricabili NiMh e le batterie alcaline standard può causare scarse prestazioni.

B. Posso usare le mie batterie ricaricabili direttamente dalla confezione?

Se le vostre batterie ricaricabili sono “Precaricate” o “Pronte all’uso”, possono essere utilizzate direttamente dalla confezione, proprio come le batterie monouso. Tuttavia, le batterie ricaricabili standard non hanno questa caratteristica, quindi necessitano di una prima carica iniziale prima dell’uso.

C. Che cos’è l'”autoscarica” di una batteria ricaricabile?

L’autoscarica è un evento che si verifica nelle batterie ricaricabili in cui le reazioni chimiche interne riducono la carica immagazzinata della batteria senza alcun collegamento tra gli elettrodi, cioè quando non viene utilizzata in un dispositivo. L’autoscarica riduce la durata di conservazione delle batterie e fa sì che esse abbiano inizialmente meno di una carica completa quando vengono effettivamente utilizzate.

La velocità con cui si verifica l’autoscarica in una batteria dipende da una serie di fattori quali il tipo di batteria, lo stato di carica, la corrente di carica e la temperatura ambiente. In genere, tra le batterie ricaricabili standard, le batterie al litio subiscono la minore quantità di autoscarica (circa il 2-3% di scarica al mese), mentre le batterie al nichel sono più gravemente colpite (nichel cadmio, 15-20% al mese; nichel idruro metallico, 30% al mese), con l’eccezione delle batterie NiMH a bassa autoscarica (stay-charged) (2-3% al mese).

La conservazione delle batterie a temperature più basse riduce quindi il tasso di autoscarica e preserva l’energia iniziale immagazzinata nella batteria.

D. Cosa significa “Stay-Charged”?

Le batterie ricaricabili stay-charged mantengono la loro carica in modo molto più efficace quando non vengono utilizzate. Le batterie ricaricabili NiMH standard (quelle che non hanno la tecnologia Stay-Charged) perdono gradualmente la loro carica per un periodo di settimane e mesi anche quando non sono in uso (circa il 30% al mese) in un processo noto come ‘autoscarica’. Ciò avviene quando le reazioni chimiche interne riducono la carica immagazzinata della batteria anche quando la batteria non è in uso. A titolo di confronto, le batterie stay-charged hanno un basso tasso di autoscarica di circa il 2-3% al mese, quindi mantengono la loro carica e rimangono pronte all’uso.

In termini pratici, l’utilizzo di batterie stay-charged per i dispositivi di uso quotidiano (che non scaricano completamente le batterie in un breve periodo di tempo) significa che manterranno la loro potenza quando non vengono utilizzate e quindi saranno pronte all’uso e non avranno bisogno di essere ricaricate così spesso. Per i dispositivi ad alto consumo, come i giocattoli telecomandati o le fotocamere digitali che utilizzano il flash, potrebbe essere più adatto un ricaricabile NiMH standard di capacità più elevata, in quanto avranno più potenza nei primi giorni prima di applicare i vantaggi di una batteria stay-charged. Tuttavia, per dispositivi come allarmi antifumo, torce, o dispositivi che vengono utilizzati un po’ meno frequentemente ma che necessitano di una carica su richiesta, allora le batterie ricaricabili possono essere un’opzione migliore

E. Cos’è l'”Effetto memoria”? Si applica alle batterie ricaricabili?

L’effetto memoria si verifica quando una batteria ricaricabile viene caricata prima che la sua capacità sia completamente esaurita. La batteria può quindi ‘memorizzare’ l’ultimo livello di scarica e accettare solo quella quantità di carica nelle cariche successive, diminuendo così la capacità a cui si ricarica e riducendo il tempo di servizio. Tuttavia, con i progressi della tecnologia delle batterie ricaricabili, questo problema è stato praticamente eliminato nelle moderne batterie ricaricabili NiMH.

F. Come si ricaricano le batterie ricaricabili?

Le batterie ricaricabili hanno generalmente bisogno di un caricabatterie separato e adatto per ricaricarle.

È disponibile un’ampia varietà di caricabatterie per batterie di diverse dimensioni, dai caricabatterie veloci e intelligenti, ai caricabatterie notturni – tutti con caratteristiche e vantaggi diversi.

Ci sono alcune eccezioni, come nel telefono cordless DECT, baby monitor o luci solari, dove le batterie vengono ricaricate tramite i contatti del dispositivo quando viene posizionato nell’unità di ricarica di base o nel dock. Si prega di controllare le istruzioni per assicurarsi di scegliere il tipo corretto di batteria ricaricabile per il dispositivo.

G. Qual è la capacità della batteria più adatta a me?

Dispositivi diversi richiedono batterie di capacità diversa. Ad esempio, i telefoni cordless sono spesso carichi, quindi di solito non hanno la possibilità di funzionare completamente scarica, quindi una batteria di capacità da bassa a media sarebbe adatta. Altri dispositivi che possono utilizzare una batteria a bassa capacità sono le luci solari da giardino o i telecomandi.

Tipiche batterie a bassa-media capacità sono: batterie formato AA (800 – 1300 mAh) e batterie formato AAA (400 – 800 mAh)

Tipiche batterie ad alta capacità sono: Batterie formato AA (1950 – 2700 mAh) e batterie formato AAA (950 – 1100 mAh)

I dispositivi che richiedono batterie ad alta capacità includono auto telecomandate, fotocamere digitali e alcuni giocattoli elettronici. Se vi accorgerete di sostituire le batterie di frequente, una batteria ad alta capacità fornirà un’alimentazione più duratura.

Se il vostro dispositivo richiede batterie che mantengono la loro carica tra un uso e l’altro e forse non vengono utilizzate per un periodo di tempo, potreste scegliere una batteria ricaricabile con tecnologia a carica permanente, il che significa che le batterie mantengono la loro carica tra un uso e l’altro.

Suggerimenti per la scelta delle batterie:

Capire di quali dimensioni di batterie avete bisogno: Questo è semplice. Se il vostro gadget funziona con batterie AAA, allora è quello che vi serve. Potete guardare sul dispositivo stesso per un’indicazione delle dimensioni delle batterie, oppure consultare il manuale di istruzioni.
Decidete tra batterie monouso o ricaricabili: Le batterie monouso sono più economiche in anticipo e hanno un’eccellente durata di conservazione, ma le ricaricabili possono essere utilizzate più volte, il che le rende alla fine la scelta più conveniente.
Procuratevi il giusto tipo di batteria: Capire come funzionano le batterie e sapere come l’alcalina si differenzia dal litio e il NiMH dagli ioni di litio vi aiuterà a scegliere la migliore batteria per la vostra applicazione.

Scopri di che dimensioni sono necessarie le batterie

Non c’è bisogno di sapere molto sulle batterie per ottenere la giusta dimensione per il vostro dispositivo. Capirlo può essere facile come guardare le batterie attualmente nel vostro dispositivo e sostituirle con le stesse dimensioni (cioè se ci sono batterie AAA, allora questo è il formato che dovete comprare). Se non avete già installato le batterie, guardate sul dispositivo per qualche indicazione o controllate il manuale di istruzioni.

Se volete saperne un po’ di più sulle dimensioni delle batterie, ecco un rapido primer:

Probabilmente avete familiarità con le batterie AAA, AA, C e D. Queste lettere sono indicatori di grandezza. Fondamentalmente, più si va avanti con l’alfabeto, più grande è la batteria (ad esempio, D è più grande di C). Quando vedete una lettera usata più di una volta (es. AA, AAA), più volte viene usata, più piccola è la batteria (es. AAA è più piccola di AA).

Il dimensionamento delle batterie a moneta (chiamate anche batterie a bottone) funziona in modo un po’ diverso. Queste batterie includono tipicamente due lettere seguite da quattro numeri. La prima lettera indica la composizione chimica, mentre la seconda indica la forma. I quattro numeri descrivono le dimensioni, i primi due indicano il diametro e i secondi due l’altezza. Per esempio, con una batteria CR2032, la C sta per litio, la R specifica che la batteria è rotonda, e 2032 significa che la batteria ha un diametro di 20 mm e un’altezza di 3,2 mm.

Scegliere Single-Use o Ricaricabile

Se si acquistano le comuni batterie cilindriche, come AAA, AA, C o D, si ha la possibilità di acquistare batterie monouso o batterie ricaricabili (le batterie a bottone, come CR2032, sono solo monouso). Entrambe hanno vantaggi e svantaggi; Ecco un rapido sguardo a questi:

Batterie monouso: Queste sono quelle che sembrano. Quando si esauriscono, è necessario smaltirle (per trovare le opzioni di riciclaggio delle batterie vicino a voi, visitate Call2Recycle.org). I due tipi principali di batterie monouso sono alcaline e al litio.

Pro:

Costo iniziale più economico rispetto alle batterie ricaricabili.
Tasso di autoscarica molto basso (perdita di potenza quando non vengono utilizzate) per una lunga durata di conservazione.
Ampiamente disponibili.

Contro:

Richiedere lo smaltimento dopo la scarica completa.

Batterie ricaricabili: Queste batterie sono costruite per essere ricaricate più volte, in alcuni casi fino a 500 o più volte. I due principali tipi di batterie ricaricabili sono al nichel-metallo idruro e agli ioni di litio.

Pro:

Essendo ricaricabili, generano meno rifiuti delle batterie monouso.
Offrono un valore a lungo termine migliore rispetto alle batterie monouso (più le si usa, più sono economiche).

Contro:

Costo iniziale più costoso rispetto alle batterie monouso.

Il giusto tipo di batteria

Una volta stabilita la dimensione della batteria e deciso tra monouso e ricaricabile, può essere utile capire un po’ di più sui diversi tipi di batterie. Con una comprensione di base di come funzionano le batterie e di cosa c’è al loro interno, potrete prendere decisioni più informate sul tipo di batterie più adatto alle vostre esigenze.

Nozioni di base sulle batterie: Le batterie comuni, come AAA, AA, C e D, hanno terminali positivi e negativi e due strati interni chiamati elettrodi che includono un catodo (che trasporta una carica positiva) e un anodo (per trasportare una carica negativa). Tutte le batterie hanno anche un qualche tipo di elettrolita, una sostanza che conduce l’elettricità (un flusso di elettroni) tra i terminali della batteria. Quando si mette una batteria in un dispositivo, come una lampada frontale, l’elettrolito, il catodo e l’anodo interagiscono e si verifica una reazione chimica (fondamentalmente l’ossidazione). Gli ioni (caricati positivamente) e gli elettroni (caricati negativamente) scorrono attraverso l’elettrolito, escono dal terminale negativo e permettono al dispositivo di funzionare.

Con il tempo, le sostanze chimiche interne di una batteria cominciano a degradarsi e l’interazione diminuisce. Alla fine non riescono più a mantenere la carica e sono considerate “morte”.

Il mix di sostanze chimiche in una batteria mira a fornire  alte prestazioni, costi ragionevoli e basso impatto ambientale. Ecco uno sguardo più da vicino alle opzioni più comuni disponibili per le batterie monouso e ricaricabili:

Batterie monouso

Batterie alcaline monouso

La batteria più comunemente usata è una batteria alcalina (cioè contiene un elettrolita alcalino, solitamente idrossido di potassio).

L’uso migliore: Dispositivi “a basso consumo” come fari a LED, torce a LED, giocattoli, dispositivi di controllo a distanza, orologi e radio, e anche oggetti a basso consumo come luci che utilizzano lampadine a incandescenza. Le batterie alcaline possono essere utilizzate in dispositivi a consumo elevato (fotocamere digitali, ad esempio), anche se la loro durata di vita si riduce notevolmente. Perché? Anche se le alcaline hanno un’elevata capacità iniziale di energia, i dispositivi ad alto consumo esercitano un’attrazione talmente forte che l’energia viene assorbita rapidamente.

Pro:

Prezzo moderato
Ampiamente disponibile

Contro:

Ciclo perpetuo di uso-smaltimento-sostituzione. Può essere riciclato, ma la maggior parte finisce nelle discariche.

Tensione nominale: 1,5 (sebbene scenda gradualmente a meno di 1 volt man mano che la batteria scarica la sua energia).

Durata di conservazione stimata (a 20°C): 5-7 anni.

Batterie al litio monouso

Il litio, un metallo eccezionalmente leggero, conferisce alle batterie al litio la più alta densità di energia rispetto a qualsiasi altra batteria. Pertanto, possono immagazzinare più energia delle batterie alcaline o di qualsiasi batteria monouso di dimensioni comparabili. E sono superbe a temperature estreme, sia calde che fredde.

UTILIZZO CON ATTENZIONE: la loro maggiore capacità di tensione rende le batterie al litio troppo potenti per alcuni dispositivi e può danneggiare i circuiti. Leggere le istruzioni del produttore per le batterie consigliate per i singoli prodotti.

Utilizzare al meglio: Dispositivi ad alto consumo (es. fotocamere digitali) e la maggior parte (ma non tutti) dei dispositivi a consumo moderato (es. fari, giocattoli).

Pro:

La più lunga durata (di gran lunga) nella categoria monouso; in una fotocamera digitale, le batterie al litio possono ipoteticamente produrre 100-200+ foto con flash; batterie alcaline, 20-40+.

Durata di conservazione molto lunga.
Peso leggero (circa il 30% in meno rispetto alle batterie alcaline di dimensioni equivalenti).

Contro:

Più costose.

ATTENZIONE: Una tensione più alta può danneggiare alcuni dispositivi. Leggere le istruzioni del produttore che accompagnano ogni dispositivo per determinare se è in grado di gestire le batterie al litio.

Tensione nominale: 1,5-3 (anche se diminuisce gradualmente con la scarica della batteria).

Durata di conservazione stimata (20°C): 10-15 anni.
Confronto tra le batterie monouso
Litio alcalino
Tensione nominale 1,5 3,0
Durata di conservazione stimata 5-10 anni 10-15 anni
Prestazioni a 0°F Scarso/buono Molto buono

Usi migliori o comuni

Dispositivi di drenaggio moderato:

Proiettori

Giocattoli

Dispositivi a basso consumo:

Orologi

Rilevatori di fumo

Dispositivi ad alto consumo:

Macchine fotografiche digitali

GPS

Dispositivi di drenaggio moderato:

Proiettori

Giocattoli
Caratteristiche distintive

Batteria più comunemente usata e ampiamente disponibile.

Prestazioni superiori a temperature estreme.
Peso più leggero rispetto alle batterie alcaline.
La migliore scelta di fotocamere digitali tra le batterie monouso.
ATTENZIONE: Troppo potente per alcuni dispositivi; leggere prima le istruzioni del prodotto.

Qual è la differenza tra batterie al litio e agli ioni di litio?

Le batterie al litio non possono essere ricaricate. Le batterie al litio possono.
Batterie ricaricabili
Batterie ricaricabili standard al nichel-metallo idruro ricaricabili

Come suggerisce il nome, una batteria al nichel-metallo idruro (NiMH) è costituita da una batteria al nichel-metallo idruro (NiMH):

nichel (tipicamente idrossido di nichel; usato per il catodo/elettrodo positivo)
una lega (una miscela di metalli o metallo mescolato con altri elementi; utilizzata per l’anodo/elettrodo negativo)
idrossido di potassio (un alcalino) come elettrolita.

Le batterie NiMH hanno sostituito le batterie al nichel cadmio (NiCd) come la batteria ricaricabile cilindrica preferita. Offrono una maggiore capacità energetica (fino al 50% in più) rispetto alle batterie al NiCd ed evitano l’elevata tossicità del cadmio. Detto questo, le batterie NiMH standard sono state in gran parte sostituite da batterie NiMH precaricate (vedi la sezione Batterie NiMH precaricate qui sotto per maggiori informazioni).

L’uso migliore: Dispositivi ad alto consumo (ad es. fotocamere digitali, flash) o dispositivi che subiscono un uso prolungato o continuo (ad es. ricevitori GPS). Sconsigliato per articoli che vengono usati raramente o ispezionati di rado, come i rilevatori di fumo o una torcia elettrica in un kit di emergenza.

Pro:

Fornisce una capacità di energia ad un tasso più costante (tecnicamente, un tasso di scarica più piatto) rispetto alle batterie monouso: ad esempio, la luce di una lampada frontale che utilizza batterie alcaline inizia ad accendersi in modo brillante e progressivamente si attenua. Con le NiMH, il livello di luce rimane stabile grazie alla tensione costante fornita dalle batterie ricaricabili.
Fornisce una corrente sostanzialmente maggiore (flusso di elettroni) rispetto a una batteria alcalina, aumentando le sue prestazioni durante la manutenzione di dispositivi ad alto consumo.
Nessun “effetto memoria” misurabile (questo accade quando una batteria tende a “ricordarsi” di immagazzinare solo la quantità di energia che ha erogato durante la sua scarica più recente).
Funziona ragionevolmente bene in condizioni di freddo.
Migliore valore a lungo termine rispetto alle batterie monouso.
Riciclabile.

Contro:

Un tasso abbastanza veloce di “autoscarica” (perdita di energia quando non si usa) – le batterie al NiMH possono perdere tra l’1 e il 5 per cento della loro energia immagazzinata in un giorno, tra il 30 e il 40 per cento in un mese (e potenzialmente di più in condizioni di caldo).
Moderatamente costoso all’inizio.
Devono essere caricate prima del primo utilizzo.
Dovrebbero essere caricate ogni 1-2 mesi.
La capacità energetica diminuisce del 10-15 per cento dopo più di 100 ricariche.
Le prestazioni possono diminuire se vengono fatte cadere o gestite in modo approssimativo.

Volt: 1,2 (la tensione costante è generalmente sostenuta per tutto il ciclo, scendendo a 1,1 prima che il ciclo di carica sia completo).

Numero stimato di cicli di ricarica: 150–500

Tasso di autoscarica: Perde l’1 percento (o più) della potenza immagazzinata al giorno, circa il 40 percento al mese.

Stoccaggio: Conservare completamente carica a 15.5°C.

Suggerimenti:

Batterie di capacità superiore alimentano un dispositivo più a lungo. La capacità delle batterie NiMH è presentata in milliampere di ore (mAh). Guardate sulle batterie stesse o sull’imballaggio per trovare il rating mAh.
Possono essere ricaricate in qualsiasi momento, indipendentemente dal livello di capacità energetica che conservano.
Per ottenere le migliori prestazioni, si ricaricano ogni volta che la capacità energetica scende dal 30 al 50 per cento al di sotto della sua capacità di picco.
Per iniziare un periodo di stoccaggio prolungato, tutte le batterie NiMH devono prima essere completamente ricaricate.
Se lasciate inutilizzate per lunghi periodi, ricaricate le batterie NiMH standard ogni 1-2 mesi.

Batterie ricaricabili precaricate al nichel-metallo idruro di nichel

Chiamate anche batterie “ibride”, “pronte all’uso” o “a bassa autoscarica”, queste batterie NiMH sono precaricate nella loro confezione in modo da essere pronte all’azione. Offrono un tasso di autoscarica molto basso (perdita di potenza quando non sono in uso), che le rende molto popolari nella categoria delle batterie ricaricabili per batterie cilindriche (pile AAA, AA, C e D). Per questi motivi, le batterie NiMH precaricate hanno per lo più sostituito le batterie NiMH standard non precaricate.

Utilizzo ottimale: Dispositivi a consumo elevato (ad es. fotocamere digitali, flash) o dispositivi a consumo moderato che presentano un uso prolungato o continuo (ad es. ricevitori GPS, fari). Il suo basso tasso di autoscarica lo rende adatto anche per alcuni dispositivi a basso consumo, come orologi e telecomandi TV.

Pro: Uguale al NiMH standard, in più:

Può andare direttamente dalla confezione e nel dispositivo.
Tasso di autoscarica molto più basso rispetto alle batterie NiMH standard (il che rende questo design una scelta eccellente per le lampade frontali o qualsiasi dispositivo che può essere utilizzato attivamente per una settimana, poi lasciato intatto per mesi).

Contro:

Moderatamente costoso all’inizio.
Dovrebbero essere caricate ogni 6-9 mesi.
La capacità energetica diminuisce del 10–15 per cento dopo qualche centinaio di ricariche.

Volt: 1,2 (la tensione costante è generalmente sostenuta per tutto il ciclo).

Numero stimato di cicli di ricarica: circa 150-500

Tasso di autoscarica: Molto meglio delle batterie NiMH standard, circa il 10-20% in 6 mesi.

Stoccaggio: Conservare completamente carica a 15,5°C.

Suggerimenti:

Le batterie di capacità superiore alimentano un dispositivo più a lungo. La capacità delle batterie NiMH è presentata in milliampere di ore (mAh). Guardate sulle batterie stesse o sull’imballaggio per trovare il rating mAh.
Possono essere ricaricate in qualsiasi momento, indipendentemente dal livello di capacità energetica che conservano.
Per iniziare un periodo di stoccaggio prolungato, tutte le batterie NiMH devono prima essere completamente ricaricate.
Se lasciate inutilizzate per lunghi tratti, ricaricate le batterie NiMH precaricate ogni 6-9 mesi.

Batterie ricaricabili agli ioni di litio

Le batterie agli ioni di litio oggi si trovano più comunemente sotto forma di lastra, blocco o pacco batteria piuttosto che nella forma cilindrica di AAA, AA, C o D. Sono ampiamente utilizzate negli smartphone, nelle macchine fotografiche digitali, nei computer e in altri prodotti elettronici di consumo.

L’uso migliore: Notebook computer, smartphone, orologi sportivi GPS, dispositivi di alimentazione portatili, alcune luci per biciclette.

Pro:

Offre il più basso tasso di autoscarica (meno del 10% in un mese) di qualsiasi batteria ricaricabile.
Alto numero stimato di cicli di ricarica (oltre 500-1.000).
Riciclabile.

Contro:

Più costoso.
Anche se lasciato inutilizzato, è influenzato negativamente dall’età.

Volt: 3,6 (con alcune variazioni).

Numero stimato di cicli di ricarica: 500–1,000+.

Tasso di autoscarica: Molto basso, ma l’età è nemica delle batterie agli ioni di litio. Anche se inutilizzate, il semplice passare del tempo le priva di una certa capacità energetica. La quantità di perdita varia a seconda delle dimensioni e della configurazione della batteria.

Stoccaggio: Conservare a circa 60°F/15,5°C, sia a piena carica che al 50% della capacità (le opinioni variano su questo argomento).

Suggerimenti:

Ricaricare spesso, anche se è stata drenata solo una modesta quantità di energia.
Evitare di esaurire completamente un Li-ion prima di ricaricare. In questo modo non si rovina un Li-ion, ma non è considerata una pratica raccomandata.
Si possono ottenere più cicli di ricarica se una batteria agli ioni di litio viene ricaricata dopo scariche poco profonde (circa il 30% della capacità, che può essere determinata su dispositivi che offrono un indicatore di capacità di energia o un “indicatore di carburante” della batteria). Se possibile, evitare di programmare le ricariche dopo scariche medie (50%) o complete (90-100%).

Confronto delle batterie ricaricabili
NiMH standard NiMH precaricato agli ioni di litio
Tensione nominale 1,2 1,2 1,2 3,6
Capacità energetica tipica AA (mAh) Molto elevata (circa 2.500) Elevata (circa 2.000-2.400) AA/AAAA non ampiamente disponibile
Cicli di ricarica stimati 150-500 150-500 150-500+ 300-500+
Tasso medio di autoscarica Scarso (1%/giorno, 30%-40%/mese) Molto buono (20% per 6 mesi) Eccellente (< 2%/mese)
Usi migliori o comuni

Dispositivi ad alto consumo:

Macchine fotografiche digitali

GPS

Dispositivi di drenaggio moderato:

Proiettori

Giocattoli

Dispositivi ad alto consumo:

Macchine fotografiche digitali

GPS

Dispositivi di drenaggio moderato:

Proiettori

Giocattoli

Computer portatili

Smartphone

GPS

Orologi sportivi

Dispositivi di alimentazione portatili

Alcune luci della bicicletta
Caratteristiche distintive

Deve essere caricato prima del primo utilizzo.
Batte il NiMH precaricato quando viene usato intensamente nel tempo di condensazione, a causa della maggiore capacità energetica.

Pronto all’uso fuori confezione.
Batte il NiMH standard se usato per un tempo prolungato, a causa del lento tasso di autoscarica.

Deve essere caricato prima del primo utilizzo.
Prestazioni elevate, ma limitate a prodotti specifici (non ancora nelle dimensioni AAA, AA, C, D).
Diminuito dall’età, a parte l’uso.

Riciclabile Sì. Per sapere come e dove, visitare: www.call2recycle.org
Suggerimenti per la batteria

Per ottenere il massimo dalle vostre batterie, seguite questi consigli quando possibile:

Tutte le batterie, anche quelle progettate per gestire temperature estreme, possono subire un calo di prestazioni se esposte ad alte o basse temperature. Per gli escursionisti, gli alpinisti, gli sciatori e gli altri ricreativi all’aperto, le temperature fredde sono spesso la sfida più grande. Per limitare gli effetti che il freddo ha sull’alimentazione delle batterie, cercate di tenere il vostro dispositivo al caldo. Potete farlo tenendo la lampada frontale, lo smartphone, il GPS o un altro gadget da qualche parte vicino al vostro corpo.
Non cercate di ricaricare contemporaneamente batterie di diversa capacità, marca o età. Non usate insieme batterie di marche diverse o di età diverse.
Rimuovere le batterie dai dispositivi se rimangono inutilizzate per mesi. In questo modo si evita che un dispositivo eserciti un minuscolo scarico sulle batterie anche se il dispositivo è inattivo.
Rimuovere le batterie monouso (non ricaricabili) da un dispositivo quando sono alimentate dalla corrente alternata domestica. In questo modo si evita che le batterie si esauriscano a causa di un piccolo consumo delle loro riserve di energia da parte del dispositivo.
Non conservare le batterie, in particolare quelle monouso, in luoghi dove il calore può diventare intenso, come bauli di automobili, soffitte o garage.
Evitare di gettare le batterie in un cassetto, in una valigetta o in una borsa dove possono entrare in contatto con oggetti metallici come monete o graffette. Ciò potrebbe causare un cortocircuito o potrebbe influire negativamente sulla polarità della batteria.
Non mettere mai le batterie nel fuoco. In caso contrario potrebbero rompersi e rovesciarne il contenuto. Inoltre: Evitare di gettarle in un contenitore metallico dove potrebbe accumularsi del calore.

 

Ultimo aggiornamento 2020-05-25 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Forse ti interessa anche: