Come prendersi cura della pelle del viso dopo gli 80 anni

Se siete tra le tante persone che hanno superato gli 80 anni e vi preoccupate di come prendervi cura della pelle del viso, questo articolo vi fornirà alcuni consigli su cosa potete fare per proteggere la vostra pelle e mantenerla giovane. Evitate l’esposizione al sole, mangiate correttamente, evitate di fumare e usate regolarmente prodotti idratanti.

Evitare l’abbronzatura
Sebbene l’abbronzatura possa aiutarvi a ottenere la pelle abbronzata che desiderate, può danneggiare la vostra pelle e aumentare il rischio di cancro alla pelle. Anche l’esposizione ai raggi UV è dannosa per la salute. Una scottatura da sole raddoppia il rischio di melanoma nel corso della vita. L’esposizione ai raggi UV è anche un fattore di infiammazione cronica, collegata a un’ampia gamma di malattie.

Mentre i raggi UVB causano effetti immediati, i raggi UVA possono avere effetti duraturi. Anche se non sono visibili, i raggi UVA possono danneggiare il DNA della pelle e causare le rughe. I raggi UVA a onda lunga possono anche danneggiare la struttura interna della pelle.

Oltre a danneggiare la pelle, l’abbronzatura crea dipendenza. Rilascia endorfine che possono causare assuefazione e dipendenza. Il modo migliore per proteggere la pelle dai danni dei raggi UV è indossare indumenti protettivi ed evitare i lettini abbronzanti. Usare la protezione solare e applicarla secondo le istruzioni del produttore.

Mangiare bene
Per mantenere il viso giovane e radioso si possono fare molte cose, tra cui mangiare cibi sani. Gli alimenti ricchi di antiossidanti, proteine e grassi sani sono collegati a una pelle migliore. Una dieta sana a base di frutta, verdura e cereali integrali può mantenere la pelle fresca e giovane. Inoltre, evitate di fumare, fate esercizio fisico e utilizzate prodotti appropriati per la cura della pelle.

Evitare il fumo
Il fumo danneggia la pelle del viso danneggiando lo strato corneo, lo strato dell’epidermide che aiuta a mantenere l’umidità della pelle. Di conseguenza, la pelle del viso può diventare secca e rugosa. La pelle può anche diventare più suscettibile alle malattie, compresa l’acne. Inoltre, il fumo di sigaretta indebolisce il sistema immunitario, aumentando il rischio di patologie infiammatorie della pelle. In particolare, il fumo provoca una condizione nota come vasculite, che può portare allo sviluppo della tromboangioite obliterante, un tipo di malattia vascolare. Questa condizione si manifesta soprattutto nei giovani fumatori maschi.

Oltre a colpire la pelle del viso, il fumo può danneggiare anche i denti. Il fumo provoca un eccesso di placca dentale, che può provocare alito cattivo e carie. Il fumo aumenta anche il rischio di malattia parodontale, che consuma le gengive e le ossa mascellari e può causare la perdita dei denti. I fumatori di tabacco sono anche più a rischio di complicazioni post-chirurgiche. I loro vasi sanguigni sono più stretti, il che comporta una degenza ospedaliera più lunga e un maggior rischio di infezioni. Inoltre, sono più inclini a sviluppare ulcere gastriche e disturbi gastrointestinali.

Il fumo aumenta anche il rischio di molte malattie, tra cui cancro, malattie cardiache e ictus. Inoltre, danneggia la barriera cutanea e la priva di importanti sostanze nutritive. Riduce anche la quantità di antiossidanti presenti nell’organismo, che possono prevenire i danni cutanei da stress ossidativo.

Evitare i danni del sole
Se avete avuto la sfortuna di scottarvi al sole, probabilmente conoscete il dolore che ne consegue. Fortunatamente, esistono modi per ridurre i danni senza doversi sottoporre a trattamenti dolorosi o ad aghi. Una di queste soluzioni è l’uso di una protezione solare. Questo aiuterà a prevenire ulteriori danni dal sole e permetterà agli enzimi naturali della pelle di riparare il DNA danneggiato.

La pelle è uno degli organi più grandi del corpo e, se non si fa attenzione, i danni del sole possono causare problemi a lungo termine. Il modo migliore per prevenire i danni è indossare una protezione solare di alta qualità. Il numero SPF sulla protezione solare indica il livello di protezione offerto.

I danni causati dal sole possono essere invertiti anche seguendo abitudini sane, tra cui quella di stare al riparo dal sole. Oltre alla protezione solare, indossare occhiali da sole e applicare una crema idratante prima di uscire al sole può aiutare a proteggere la pelle da ulteriori danni. L’esposizione al sole causa la comparsa di rughe e altri segni visibili di invecchiamento sul viso. Sebbene esistano trattamenti per correggere questi danni, la prevenzione è la cosa più importante da fare.

La pelle del viso è esposta al sole più di altre zone. Il viso e il collo sono particolarmente vulnerabili ai danni del sole. Macchie pigmentate, macchie secche e rughe sono sintomi comuni di danni solari sul viso e sul collo. Questi segni possono essere segnali precoci di danni solari più gravi.