Depuratore d’acqua

La maggior parte di noi è fortunata a vivere in circostanze in cui l’acqua che entra in casa è “potabile”. Ma, per la maggior parte degli standard “potabile” significa semplicemente adatto al consumo. Ma  “adatto al consumo” è uno standard piuttosto basso…

La tecnologia di filtrazione e purificazione dell’acqua rimuove i contaminanti che rendono la nostra acqua di sapore e odore cattivo, danneggiano i nostri capelli e la pelle, e possono anche farci ammalare.

Naturalmente, la tecnologia di filtrazione e depurazione dell’acqua non si riferisce a un solo processo che rende l’acqua “migliore”. Ci sono molti metodi diversi utilizzati per rimuovere i contaminanti, e molti modi diversi in cui questi possono essere applicati. Di seguito è riportata una panoramica completa dei metodi e dei sistemi utilizzati per la loro applicazione, in modo da poter trovare le giuste soluzioni di filtrazione e depurazione per l’acqua della vostra casa.

Depuratore d’acqua dove comprarlo

Depuratore Acqua ForHome® Easy Micro Filtrazione Professional
  • DEPURATORE ACQUA MARCA FORHOME EASY PROFESSIONAL PER MICRO FILTRAZIONE ACQUA
  • La cartuccia PROFESSIONALE è del tipo Pre-coat a carboni attivi MICROFILTRAZIONE DA 0,5 MICRON
  • RIMUOVE: le cisti di Giardia e di Cryptosporidium, le fibre dell'amianto, il cloro, odori, colori, sapori, torbidità rendendo l'acqua...
  • Autonomia: 11350 litri Portata: 1,9 litri minuto - DIMENSIONI UTILI PER INSTALLAZIONE: L 10cm x H 35cm
  • Comprende tutti gli accessori ed i componenti necessari per l'installazione, Confezione Originale ForHome, Rubinetto erogatore,...

LaVie 2GO Depuratore d'Acqua Compatto, Innovativo a Luce UVA, Senza Materiali di consumo. Trasforma l'Acqua del Rubinetto in Acqua Pura e Fresca in Soli 15 Minuti - Colore Grigio Antracite 0,5 L
  • RITROVA IL GUSTO DELL'ACQUA! Un'acqua pura, sana e buona per tutta la famiglia: i depuratori LaVie eliminano tutti i cattivi sapori e...
  • ECOLOGICA E SOSTENIBILE: basta buttare bottiglie, caraffe e materiali di consumo in plastica Funziona senza filtri e senza cartucce
  • ISPIRATA ALLA NATURA, la nostra innovativa e premiata tecnologia utilizza la luce UVA per eliminare il cloro e altri agenti...
  • UTILIZZO DAVVERO SEMPLICE: riempi la bottiglia in vetro e lascia che la luce UVA faccia il resto; l’acqua è purificata in soli 15...
  • COMPATTO E PRATICO, porta LaVie 2GO ovunque con te: formato mini, alimentazione USB, custodia in neoprene per proteggere la...

Sodastream Jet Gasatore d'Acqua Frizzante, Bianco, 43 cm
  • Gasatore d'acqua domestico sodastream
  • Funziona con un cilindro di gas co2 alimentare
  • Funziona senza corrente elettrica o batterie
  • Livello di gasatura personalizzabile
  • Contenuto della confezione: gasatore jet, bottiglia pen 1 litro, cilindro co2 carico e pronto per l'uso

Filtri Acqua Italia Digipure 9000S Purificatore Sopra-Lavello, 0.5 micron
  • Depuratore acqua da sopra lavello collegamento diretto all'areatore del rubinetto nessun foro sul lavello della cucina
  • Cartuccia interna a carboni attivi 0.5 micron con funzione batteriostatica elimina cloro, sporcizia sabbia sedimento e sostanze...
  • La confezione contiene un sistema completo per filtrazion eun filtro a carbon block 10 pollici 5 micron, una chiave per sostituzione...
  • Colore bianco; portata: 3.8 litri minuto temperatura: l'acqua in ingresso non deve superare i 38°c, la pressione in ingresso non deve...
  • Capacita filtrante: 05 micron ed autonomia di 9000 l, con la portata di 3.8 l al minuto

Metodi di trattamento dell’acqua

Esistono diverse tecnologie utilizzate per filtrare, trattare e purificare l’acqua. Ognuna ha i suoi pro e i suoi contro, e il suo scopo particolare. Poiché la loro efficienza ed efficacia variano in molti modi, molti sistemi utilizzano combinazioni di questa tecnologia. Per esempio, un filtro per acqua ad osmosi inversa sotto il lavello potrebbe avere un componente a carbone attivo per ridurre il cloro, poiché l’osmosi inversa da sola non è efficace per questo compito.

È importante sapere cosa fa ogni tipo di filtrazione e come funziona, tuttavia, perché in questo modo si sarà in grado di determinare quale soluzione di filtraggio o di purificazione dell’acqua è necessaria. È una buona idea far testare la vostra acqua, sia presso l’ufficio locale per la qualità dell’acqua, sia presso un’azienda rispettabile, sia utilizzando un kit di test a domicilio. In questo modo, saprete quali sono i livelli di contaminanti pericolosi o indesiderati presenti nella vostra acqua e quali metodi di filtrazione dovreste dare priorità.

Abbiamo compilato questo elenco delle tecnologie di filtrazione, trattamento e purificazione più comunemente utilizzate tenendo presente questo aspetto. Includeremo un elenco puntato di ciò che fanno e non rimuovono, e approfondiremo anche i loro punti di forza e le loro debolezze.

Nota: Vi preghiamo tuttavia di considerare queste informazioni come generiche. Ogni volta che acquistate un particolare sistema di filtraggio, trattamento o depurazione dell’acqua o un filtro, dovreste controllare voi stessi le sue certificazioni

Osmosi inversa

Prima di spiegare l’osmosi inversa (RO), parliamo dell’osmosi:

Quando due liquidi di diversa concentrazione sono separati da una barriera semipermeabile, e ciascuno ha una diversa concentrazione di sostanze solubili, tendono ad eguagliarsi.

Mentre l’osmosi è tutta una questione di concentrazioni che si equilibrano, l’osmosi inversa è circa un lato che diventa più concentrato dell’altro. Tutte (o la maggior parte) delle sostanze solubili vengono estratte da un lato e convogliate nell’altro.

Quando l’osmosi inversa è usata come metodo di trattamento dell’acqua, il risultato finale è che un lato della barriera (il lato altamente concentrato) è considerato acqua di scarico, mentre l’altro lato è purificato.

L’osmosi inversa è molto efficace nel rimuovere molti minerali dall’acqua e alcune sostanze chimiche. Questo può essere problematico, tuttavia. Un certo livello di mineralizzazione è auspicabile nell’acqua potabile.

L’osmosi inversa rimuove non solo i minerali nocivi, o i minerali in eccesso, ma praticamente tutti i minerali. Ciò include i minerali di cui l’uomo ha bisogno e che si trovano naturalmente nell’acqua, come il magnesio e il calcio. E mentre può rimuovere alcune sostanze chimiche, ci sono molte sostanze chimiche artificiali contro le quali l’RO è inefficace.

Infine, ci sono alcune preoccupazioni circa l’efficienza dell’uso di filtri ad osmosi inversa. C’è molto più risciacquo (acque reflue scaricate) prodotto rispetto all’acqua filtrata. Nella maggior parte degli impianti, questo controlavaggio viene scaricato nella rete fognaria. Ciò si traduce, nel tempo, in acqua più inutilizzabile, poiché i trattamenti fognari stessi non sono efficienti al 100%.

I conservatori e coloro che cercano di vivere uno stile di vita “verde” lo trovano preoccupante, soprattutto perché l’acqua di scarico è spesso ancora ben compresa nelle linee guida di sicurezza per bere e cucinare.

I sistemi RO più recenti potrebbero utilizzare una tecnologia a “scarico zero di liquidi”, che prevede altri metodi di filtrazione per purificare ulteriormente l’acqua e restituirla al sistema idrico. Questo è di solito pratico solo a livello industriale.

Altri nuovi sistemi, nel tentativo di rendere la filtrazione ad osmosi inversa più rispettosa dell’ambiente, consentono la raccolta del controlavaggio scaricato, che può poi essere utilizzato per scopi diversi dal consumo.

Carbone attivo

Il carbone attivo rimuove una serie di sostanze indesiderate, ma non influisce sull’acqua stessa. In sostanza, i contaminanti “si attaccano” al carbonio, permettendo all’acqua di scorrere. Questo processo è chiamato “adsorbimento“. Si chiama carbone attivo perché ha una carica positiva, che aiuta il processo di adsorbimento.

Il carbone attivo può essere creato da un numero qualsiasi di materiali diversi, purché siano organici e abbiano un alto contenuto di carbonio. I materiali ad alto contenuto di carbonio sono noti come materiali “carbonacei”. Questi includono gusci di noce di cocco, legno, carbone, torba e i gusci delle noci.

Il carbone è il materiale di origine più comune per il carbone attivo, mentre il carbonio dei gusci delle noci di cocco è ritenuto uno dei tipi più efficaci. È anche relativamente più costoso.

Il carbone attivo si presenta anche in forme diverse:

Carbone attivo granulato (GAC)
Blocchi di carbonio
Carbonio catalitico

La maggior parte dei filtri per l’acqua in casa utilizza carbone attivo granulato o blocchi di carbonio.

I filtri GAC sono di solito migliori per la semplice rimozione del cloro, anche se possono essere progettati anche per altri usi. I filtri a blocchi di carbonio hanno la stessa (o migliorata) caratteristica di rimozione del cloro, ma possono anche essere efficaci per rimuovere sedimenti e altri contaminanti che un tipico filtro GAC non sarebbe in grado di gestire.

Il carbonio catalitico è visto più raramente, semplicemente perché si tratta di un’applicazione più nuova e più avanzata del carbonio. È meglio conosciuto, in termini di filtrazione, per la sua capacità di rimuovere le clorammine dall’acqua potabile – qualcosa che il GAC e i blocchi di carbonio non possono fare altrettanto.

Tuttavia, stiamo iniziando a vedere l’inclusione del carbonio catalitico in più sistemi di filtrazione dell’acqua in casa. Tipicamente, appare in sistemi a più stadi con carbone attivo standard (granulato o in blocchi) come un altro stadio di filtrazione.

Attraverso il processo di adsorbimento, il carbone attivo rimuove i contaminanti come il cloro, i composti organici volatili e il radon. È la capacità di questo metodo di rimuovere il cloro che lo rende così popolare. Il cloro influisce negativamente sul sapore della nostra acqua, ma non è generalmente considerato un “contaminante” dai regolatori… quindi sta a noi ridurlo a casa nostra.

Il carbone attivo rimuove anche la maggior parte delle sostanze chimiche di origine umana come il metil-t-butil-etere (MTBE). L’MTBE si trova nella benzina. Tuttavia, il carbone attivo può non essere efficace quando si tratta della maggior parte delle sostanze organiche, dei sedimenti, dei nitrati e dei relativi ioni, o di alcuni metalli pesanti.

Quando si sceglie un filtro a carbone, è particolarmente importante considerare la classificazione NSF di quel particolare filtro. Questo perché mentre il carbone attivo da solo potrebbe non essere efficace contro alcuni contaminanti, l’ingegneria intelligente può rendere questi filtri capaci di molto, molto di più.

Distillatori

I distillatori lavorano trasformando l’acqua in vapore attraverso il calore, cioè fanno bollire l’acqua. Una volta che l’acqua diventa vapore, il vapore viene raccolto e raffreddato, convertendolo di nuovo in acqua, acqua che ora è purificata.

La distillazione può rimuovere i batteri dall’acqua e i minerali. Come l’osmosi inversa, tuttavia, non è molto efficace contro le sostanze chimiche e demineralizza l’acqua in modo indiscriminato, rimuovendo sia i minerali utili che quelli indesiderati.

Infine, la distillazione non è molto efficiente, sia dal punto di vista dell’uso dell’energia (è richiesto molto calore per il processo) sia dal punto di vista delle risorse (cinque galloni di acqua possono essere persi solo per purificare un gallone).

Per questo motivo, la distillazione è generalmente utilizzata per produrre acqua specificamente per scopi scientifici (quando è richiesta acqua minerale e senza batteri), e nei paesi in via di sviluppo con abbondante accesso all’acqua che può contenere contaminanti batterici. Ha pochissime applicazioni in casa in un paese sviluppato.

Ultravioletto

Il trattamento dell’acqua a raggi ultravioletti (UV) utilizza lampade specializzate che emettono elevate quantità di una particolare lunghezza d’onda di radiazione. (In questo contesto, radiazione significa solo “energia irradiata”).

Fa parte dello spettro elettromagnetico (luce), proprio come la luce visibile, ma non è visibile. Noi la chiamiamo ultravioletta, o luce ultravioletta.

La luce ultravioletta è la parte più “calda” dello spettro luminoso. Probabilmente hai già avuto una o due esperienze con essa attraverso una scottatura solare, e probabilmente conosci anche la correlazione tra la luce UV e il cancro della pelle. Questo perché la luce UV colpisce i materiali organici e il DNA.

Bene, con i filtri UV per l’acqua puoi mettere la luce UV al lavoro per te, attivando la luce UV su batteri, muffe, alghe e una varietà di microrganismi che potrebbero essere nella tua acqua.

Tuttavia, la luce ultravioletta non fa nulla per i minerali, i sedimenti o la contaminazione chimica. Il trattamento a raggi ultravioletti viene utilizzato in combinazione con altri metodi per questo motivo.

È molto importante, tuttavia, nelle aree in cui l’acqua potabile (potabile) è scarsa a causa del rischio di malattie, e alcune opzioni portatili per la filtrazione dell’acqua UV sono state sviluppate anche per i campeggiatori e i viaggiatori.

Addolcitori d’acqua

Gli addolcitori d’acqua si basano su un processo chiamato “scambio ionico”, in cui l’acqua passa attraverso perle rivestite di minerali “morbidi” (tipicamente sodio e potassio). I “minerali duri” presenti nell’acqua, come il calcio e il magnesio, si attaccano alle perle.

L’addolcimento dell’acqua non è generalmente necessario per l’acqua trattata a livello comunale, e può effettivamente essere dannoso, in quanto potrebbe causare la rimozione di troppi minerali utili. Il magnesio e il calcio non sono, di per sé, indesiderabili.

L’addolcimento dell’acqua richiede solo la rimozione di minerali duri, ma è spesso combinato con la filtrazione a carbone attivo e la filtrazione dei sedimenti.

Tuttavia, per i sistemi di acqua di pozzo, i livelli di calcio e magnesio possono essere così alti da provocare un accumulo di minerali che può disturbare il funzionamento dei soffioni doccia e di altri impianti idrici, lasciando un residuo poco attraente. L’acqua “dura” rende inoltre più difficile l’insaponatura di saponi e detergenti.

L’addolcimento dell’acqua può essere controverso, per il fatto che aggiunge sodio o potassio all’acqua. Alcune fonti ritengono che le quantità aggiunte siano irrilevanti per le persone sane, mentre altre sono meno sicure che questo sia il caso.

Se siete preoccupati per i livelli di sodio o potassio nell’acqua potabile dopo l’addolcimento, potete sempre farla controllare! Molte aree offrono test gratuiti dell’acqua.

Tipi di sistemi di filtrazione dell’acqua

Ci sono tanti tipi e forme diverse di sistemi di filtrazione dell’acqua quanti sono i metodi, che ci crediate o no!

Il “punto di utilizzo” si riferisce ai sistemi che filtrano l’acqua nel punto in cui la si utilizza. Piuttosto che filtrare tutta l’acqua che entra in casa vostra. Per esempio, un filtro montato su un rubinetto filtra solo l’acqua di quel rubinetto, un filtro per soffione doccia filtra solo l’acqua che passa attraverso quel particolare soffione, e così via e così via.

Ecco il punto più comune di utilizzo in casa, insieme a una panoramica dei loro pro e contro, in modo da poter decidere quale si adatta meglio alle proprie esigenze e al proprio stile di vita.

Per alcune persone è sufficiente un solo sistema a punto d’uso. Altri potrebbero desiderare una combinazione di più sistemi.

Questi filtri per l’acqua sono montati sotto il vostro contatore/lavandino, come suggerisce il nome “montaggio sotto il contatore”. La maggior parte dei filtri dell’acqua montati sotto il contatore fanno uso di carbone attivo. Tuttavia, ce ne sono alcuni che utilizzano la filtrazione ad osmosi inversa (e sono di solito pubblicizzati come tali).

Ci sono anche opzioni di trattamento UV sotto banco, destinate alla sterilizzazione dell’acqua. Questi sono in genere in istituzioni mediche o scientifiche, piuttosto che nelle case, tuttavia.

I supporti da sottobanco che utilizzano carbone attivo sono di solito indicati come filtri “standard”, in contrapposizione all’RO. Possono essere eccezionalmente utili per rimuovere il cloro che dà all’acqua un cattivo sapore, così come i prodotti chimici artificiali.

Questi filtri per acqua sono ottimi per coloro che hanno acqua già trattata per sedimenti, metalli pesanti, e così via (come l’acqua municipale in genere è) ma vorrebbero che la loro acqua avesse un sapore migliore.

Sono utili anche se siete preoccupati per i pesticidi o altre sostanze chimiche presenti nella vostra acqua. Averli posti sotto il lavandino significa che non occupano il vostro prezioso spazio sul bancone e che i filtri sono tenuti fuori dalla vista.

Tuttavia, per coloro che hanno uno spazio di stoccaggio in armadietto molto ridotto, o che non si preoccupano dell’estetica del filtro dell’acqua visibile, ci possono essere opzioni migliori.

Bottiglie d’acqua personali

Le bottiglie d’acqua personali sono un ottimo modo per risparmiare denaro e aiutare l’ambiente non producendo molta plastica sprecata, ed è per questo che molte persone le scelgono al posto dell’acqua in bottiglia del negozio.

Ma cosa succede se non si ha accesso all’acqua filtrata o se l’acqua del rubinetto non è piacevole da bere?

È qui che entrano in gioco le bottiglie di acqua filtrata personali.

La stragrande maggioranza delle bottiglie d’acqua personale filtrata utilizza filtri a carbone attivo. Alcuni, tuttavia, utilizzano il trattamento UV.

Le bottiglie d’acqua personali con filtro a carbone sono generalmente destinate a persone in movimento la cui acqua del rubinetto non ha un buon sapore. Sono pratiche come opzione portatile, ma non molto pratiche per filtrare l’acqua per l’uso di un’intera famiglia, né molto comode per i single o le coppie quando sono a casa.

Gli studenti universitari e i coinquilini con spazio limitato in frigorifero, tuttavia, possono tranquillamente abbracciare una bottiglia d’acqua filtrata personale come uno degli unici modi pratici per ottenere acqua fresca dal sapore semplice ed economica.

Le bottiglie d’acqua personale filtrata UV sono utili per i campeggiatori e per coloro che vivono in zone dove potrebbero non avere acqua potabile a causa della contaminazione batterica/microorganica. Poiché la luce UV non influisce su altri contaminanti o sedimenti, alcune bottiglie di acqua personale filtrata UV sono compatibili con ulteriori “pre-filtri” che possono risolvere questi altri problemi.

Filtri su Rubinetto

Come suggerisce il nome, i filtri dell’acqua montati sui rubinetti sono attaccati ai rubinetti stessi. I modelli base si basano interamente sul filtraggio a carbone. Tuttavia, alcuni modelli più avanzati hanno anche dei pre-filtri per i sedimenti e persino componenti rimineralizzanti per aggiungere minerali naturali nella vostra acqua.

I filtri dell’acqua montati sui rubinetti sono una scelta eccezionale per coloro che hanno uno spazio di stoccaggio molto limitato, e che vogliono la comodità dell’acqua filtrata direttamente dal loro rubinetto.

Questi dispositivi hanno tuttavia alcuni lati negativi. Hanno filtri relativamente piccoli, visibilità evidente in cucina e la difficoltà di trovarne uno compatibile con tutto tranne che con un lavello standard. Tendono anche ad abbassare la pressione dell’acqua dal rubinetto a cui sono attaccati.

Brocche

Le brocche con filtro per l’acqua sono comode per le persone singole e per le coppie con una notevole conservazione in frigorifero, ma potrebbero non essere sufficienti per le famiglie. Poiché i filtri sono relativamente grandi, le dimensioni della brocca sono sproporzionate rispetto alla sua capacità d’acqua, quindi avere più brocche potrebbe non essere l’ideale.

Anche tenendo conto del tempo che intercorre tra una ricarica e l’altra, la maggior parte può filtrare solo circa 2 galloni al giorno in modo efficiente ed efficace.

Filtri passanti

I filtri passanti, sono essenzialmente un filtro e un contenitore autonomo. Si versa semplicemente acqua non filtrata… e quando si è pronti si versa acqua filtrata.

Quando l’acqua passa nella camera di stoccaggio, passa attraverso un filtro a carbone attivo (nei modelli standard). I modelli più avanzati possono anche contenere filtri a carbone catalitico, filtraggio dei sedimenti e filtraggio meccanico (usato per catturare particelle sub-microniche come l’amianto).

Questi filtri occupano molto spazio sul piano di lavoro, quindi non sono consigliati se lo spazio è particolarmente limitato – o se non si pensa che il loro aspetto sia adatto all’arredamento della cucina. Tuttavia, a differenza dei modelli con rubinetteria e sottolavello, non richiedono l’installazione di hardware, né sono una seccatura per spostarsi.

Filtri doccia

I filtri della doccia si collegano tra la vostra fonte d’acqua e il vostro soffione. Il loro scopo principale è quello di rimuovere il cloro dall’acqua e/o di addolcire l’acqua. Di conseguenza, la doccia

I filtri sono generalmente a carbone attivo. Possono anche contenere la flussione di degradazione cinetica (KDF), o una combinazione di KDF e la tecnologia dei filtri a carbone attivo.

Alcuni filtri per docce contengono anche addolcitori d’acqua. Infine, esiste un metodo di filtrazione relativamente nuovo, noto come filtrazione della vitamina C. Questa nuova tecnologia aiuta a ridurre le clorammine nelle docce.

Il cloro e i minerali presenti nell’acqua della doccia possono portare alla zoppia e alla secchezza dei capelli, alla pelle secca, alla forfora e all’irritazione della pelle.

Tuttavia, è importante notare che il calore dell’acqua della doccia può ostacolare l’efficacia dei filtri. Fate testare l’acqua della doccia prima e dopo il filtraggio per vedere se ottenete i risultati desiderati.

I sistemi a punto d’uso, come quelli discussi sopra, rispondono alle vostre esigenze di filtrazione proprio quando avete bisogno di acqua da una particolare fonte: questo rubinetto, quella brocca, ecc. Tuttavia, i tipi di sistemi a punto d’ingresso, di cui stiamo per discutere, filtrano l’acqua come proviene dalla fonte originale, in modo che tutta l’acqua della vostra casa sia filtrata.

In genere, i sistemi di ingresso si collegano alla linea principale non appena entra in casa, prima del suo collegamento al vostro scaldabagno. Ciò significa che ogni rubinetto, ogni soffione della doccia, ogni lavatrice e ogni toilette della casa ha acqua trattata.

Questi sono anche noti come filtri “tutta la casa”. E sì, avete indovinato: ce ne sono di diversi tipi! Parleremo dei sistemi di ingresso in termini di metodo di filtrazione, ma tenete presente che molti sistemi utilizzano combinazioni di metodi di filtrazione.

Osmosi inversa in tutta la casa

A causa dell’impressionante elenco di contaminanti che la tecnologia dell’osmosi inversa può rimuovere, alcune persone optano per un intero sistema di casa che include il filtraggio RO. Tuttavia, questi sistemi non sono la soluzione più pratica per ogni casa.

La maggior parte delle case non ricevono acqua con i livelli di TDS (solidi totali disciolti) che renderebbero utile un sistema ad osmosi inversa, a meno che non abbiano particolari problemi di salute. Alcune eccezioni includono le case costiere, che possono avere acqua salmastra con alti livelli di sodio disciolto dall’acqua di mare. Le case con acqua di pozzo possono anche avere alti livelli di TDS che renderebbero attraente un intero sistema di osmosi inversa.

La loro efficienza nella rimozione di minerali come il calcio e il magnesio può portare ad un’acqua con un pH dannosamente acido, che può indurre alcuni proprietari di case a ricorrere ad un sistema che rimineralizza l’acqua.

Infine, i sistemi ad osmosi inversa da soli non sono in grado di rimuovere il corino, quindi devono essere combinati con la filtrazione a carbone attivo.

I sistemi a osmosi inversa sono adatti soprattutto per le case con problemi medici o per l’acqua in entrata con alti livelli di TDS.

Sistemi di rimozione del cloro

I sistemi di rimozione del cloro in tutta la casa, che si basano su vari tipi di filtri a carbone attivo, sono la scelta più popolare per la maggior parte delle famiglie. Questo perché la maggior parte delle case riceve acqua in entrata che è povera di contaminanti pericolosi, ma potrebbe essere ad alto contenuto di cloro e il cloro è spesso da biasimare quando abbiamo acqua dal cattivo sapore.

Poiché questi sistemi sono comuni e sono in fase di sviluppo da decenni, esistono anche versioni molto convenienti.

Sistemi UV

Come abbiamo discusso in precedenza, il trattamento UV dell’acqua viene utilizzato essenzialmente per disinfettare la vostra acqua, quindi non aspettatevi che questi sistemi per tutta la casa facciano molto di più. Naturalmente, come altri sistemi di filtrazione dell’acqua, possono (e di solito dovrebbero) essere combinati con altri metodi di filtrazione.

È particolarmente importante pre-filtrare l’acqua prima della sterilizzazione UV se è ad alto contenuto di TDS. Questo perché alcuni contaminanti possono assorbire i raggi UV, non lasciandoli trasmettere attraverso l’acqua per uccidere i batteri in modo efficace.

Coloro che ricevono acqua di pozzo possono essere a più alto rischio di contaminazione microbiologica dell’acqua, e questa contaminazione potrebbe causare malattie. Questo è particolarmente vero per i bambini, gli anziani e coloro che soffrono di altre patologie.

Ma anche l’acqua municipale può contenere batteri pericolosi, perché alcuni tipi sono resistenti al cloro, come la giardia, e un sistema di disinfezione UV per tutta la casa può aiutare in questo senso.

Addolcitori d’acqua 

Gli addolcitori d’acqua per tutta la casa sono destinati alle case che ricevono acqua con quantità eccessivamente elevate di minerali “duri”. Principalmente quei minerali come il calcio e il magnesio. Questo vale di solito per le case che si affidano all’acqua di pozzo. I sistemi di addolcimento dell’acqua non sono progettati per filtrare altri contaminanti dall’acqua. Quindi, l’acqua che entra nel sistema dovrebbe essere pre-filtrata per i contaminanti come i sedimenti, come minimo.

Alcuni sistemi di addolcimento dell’acqua includono un processo di prefiltrazione, e questi sono a volte indicati come sistemi di condizionamento dell’acqua.

Alcuni sistemi idrici comunali hanno effettivamente acqua dura. Se si notano depositi di calcio intorno ai rubinetti, questo è un buon indicatore di acqua dura. Un altro è se l’acqua tende a macchiare i lavandini, le docce e le toilette. L’accumulo di acqua dura può anche causare una riduzione della pressione dell’acqua. Se avete acqua dura, ci sono una miriade di motivi per agire e trattarla con un addolcitore.

Mentre un intero sistema di addolcimento dell’acqua della casa potrebbe sembrare un grande investimento. Ma si risparmia molto tempo quando si tratta di pulire. Gli addolcitori forniscono anche acqua più adatta per fare il bagno, bere e cucinare. E, forse il loro più grande “pro”, riducono l’usura dell’impianto idraulico.

Conclusione

Quando versate un bicchiere d’acqua fredda dal rubinetto di casa vostra, siete soddisfatti? Sentite che è sicuro per il vostro bambino?

Vogliamo confidare che l’acqua che entra nelle nostre case sia pulita e sicura. Ma non è sempre così. Molti comuni hanno programmi di trattamento dell’acqua molto meno rigorosi di quanto si possa considerare ragionevole.

In molti altri, anche se l’acqua è “sicura” dal punto di vista medico, ha un sapore o un odore sgradevole. Questo ci porta a evitare l’acqua potabile, che compromette la nostra salute. Compriamo acqua in bottiglia, che compromette le nostre risorse finanziarie e il benessere ambientale del pianeta.

Ultimo aggiornamento 2020-09-30 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. AcceptRead More