Estratto di Vaniglia dove comprarlo online

Quando sentite “estratto di vaniglia”, cosa pensate? La tua prima risposta è probabilmente il dessert, ma che mi dici dell’antiossidante? Anti-infiammatorio? Un richiamo per la salute mentale?

L’estratto di vaniglia è ottimo per tutte queste cose e anche di più! C’è una ragione per cui la vaniglia è uno dei sapori più popolari al mondo quando si tratta di dolci e pasticceria. Non solo ha un gusto e un aroma incredibilmente piacevole, ma contiene un numero enorme di benefici per la salute con un impatto calorico relativamente basso.

Questa deliziosa spezia da dessert è diversa dall’altrettanto incredibile olio di vaniglia in quanto l’estratto di vaniglia è ottenuto dalla percolazione dei semi di vaniglia nell’alcool, mentre l’olio è creato con un processo simile in un olio di supporto (come l’olio di mandorle).

Dal 1400, quando era semplicemente un tesoro locale trovato in una piccola parte del Messico, fino al XXI secolo, la vaniglia ha occupato un posto speciale in molte persone. So che anche voi la amate (o la amerete), ed è una grande cosa, perché l’estratto di vaniglia giova a tutto, dal cuore al corpo alla mente.

Estratto di Vaniglia dove comprarlo online

Heilala Vanilla Senza alcool di vaniglia puro - con vero velluto Pod, senza zucchero, tutti naturali, 50ml (Alcohol Free Vanilla)
  • Heilala Vanilla Pure Vanilla è realizzata con glicerina anziché alcol per estrarre il gusto della vaniglia pura abbinata ai semi veri...
  • Basta aggiungere un cucchiaino di muesli, fiocchi d'avena, frullati, caffè, yogurt o succo di frutta e mescolare.
  • 1 cucchiaino di vaniglia senza alcol è pari a 1 cucchiaino di estratto di vaniglia.
  • Nessun conservante, riempitivo o aroma artificiale. Non zuccherato. Senza glutine. Certificato Kosher. Vegetariano, vegano e crudo.
  • Ingredienti; Glycerine infusa con Estratto di fagioli di vaniglia, acqua, semi di semi di vaniglia.
Estratto di vaniglia puro Heilala - Selezionato a Mano, di Origine Etica, Senza Zucchero, Senza Aroma Artificiali, 50 ml
  • Estratto di Vaniglia Puro al 100% | Nessun aroma o additivo artificiale
  • Delizioso per biscotti, torte, crostate e dessert | 1 cucchiaino di estratto di vaniglia = 1 baccello di vaniglia
  • I semi di vaniglia Heilala sono di origine etica e selezionati a mano in Polinesia
  • Senza Zucchero, Senza Glutine, Certificato Kosher Dairy, Non OGM
  • Ingredienti completamente naturali; Baccelli di Vaniglia Heilala Estratti in Acqua (65%), Alcol (35%)
Nielsen Massey Vaniglia Pasta Di Fagioli 60Ml
  • Nielsen Massey Vaniglia Pasta Di Fagioli 60Ml
  • Nielsen Massey Vanilla Bean Paste 60ml
  • Nielsen Massey
  • 60ml

Cos’è l’estratto di vaniglia?

In parole povere, l’estratto di vaniglia è una soluzione creata con fagioli di vaniglia e alcol. Quando viene immerso nell’alcol, i semi di vaniglia (noti anche come baccelli) rilasciano vanillina, il principale composto aromatico che si trova nella vaniglia. Questo liquido marrone scuro (chiamato anche tintura di vaniglia) può essere usato per esaltare la dolcezza dei dolci.

La pianta della vaniglia (del genere Vanilla, più spesso della specie V. planifolia originaria del Messico) è una pianta da fiore che cresce secondo la struttura che ne sostiene l’altezza, raggiungendo fino a 300 piedi di lunghezza. I “fagioli” di vaniglia sono le orchidee essiccate della vite che contengono i numerosi composti, tra cui la vanillina, che contribuiscono al delizioso sapore.

Una porzione di estratto di vaniglia (circa un cucchiaio o 13 grammi) contiene circa:

37 calorie
1,6 grammi di carboidrati
19,2 milligrammi di potassio (1 per cento DV)

Tenete presente che questi numeri si basano sulla qualità dell’estratto di vaniglia prodotto in commercio e che i numeri effettivi per la varietà fatta in casa possono variare. Ufficialmente, l’estratto di vaniglia deve contenere una base di alcol al 35%.

Benefici per la salute dell’estratto di vaniglia

È un potente antiossidante

So che avete sentito parlare della capacità antiossidante di vari alimenti, ma perché è così importante? Gli antiossidanti nella vostra dieta sono importanti perché i radicali liberi che entrano nel vostro corpo attraverso l’esposizione alle sostanze chimiche, al sole e ad altri fattori hanno il potenziale di causare danni duraturi. Lo “stress ossidativo”, il termine per questo danno dei radicali liberi, porta a una varietà di malattie e contribuisce alla formazione del cancro.

La vanillina è un noto antiossidante da tempo. È interessante notare, tuttavia, che la vanillina mostra una minore attività antiossidante rispetto all’estratto di vaniglia, che ora ha guadagnato interesse come prodotto utile nella “conservazione degli alimenti e negli integratori alimentari come nutraceutici”.

 Antibatterico

I prodotti alla vaniglia hanno anche proprietà antibatteriche. Questo può essere parte del motivo per cui sono inclusi in un regime per il trattamento naturale dell’herpes labiale. Vi consiglio di mettere a bagno un batuffolo di cotone con l’estratto e di applicarlo sull’herpes labiale circa quattro volte al giorno fino a quando non vedete scomparire l’herpes labiale. Probabilmente noterete una riduzione dell’infiammazione dell’herpes labiale abbastanza presto dopo averla applicata per la prima volta.

Riduce l’infiammazione nel corpo

Non solo la vaniglia ha il potenziale di ridurre l’infiammazione su un’herpes labiale, ma aiuta a ridurre l’infiammazione generale in tutto il corpo. L’infiammazione è un grave pericolo perché è alla radice della maggior parte delle malattie. Fortunatamente, la scienza medica ha iniziato a riconoscere l’impatto massiccio dell’infiammazione cronica, ed è considerata un campo emergente nel campo della ricerca sanitaria.

 

Oltre ad eliminare gli alimenti infiammatori dalla vostra dieta (gli alimenti ad alto contenuto di zucchero, i latticini pastorizzati e la carne convenzionale sono solo alcuni esempi), potete anche incorporare nella vostra dieta elementi che riducono attivamente le infiammazioni che possono essere già presenti.

Migliora la salute mentale

La vaniglia è anche nota per ridurre l’ansia e la depressione in alcuni pazienti. Questa reazione può essere dovuta in parte alle sue proprietà antinfiammatorie.

Quando il cervello è stressato in qualche modo, sia che si tratti di lesioni, stress cronico mentale/emozionale, infezioni o anche carenze nutrizionali, scatena il rilascio di quelle che sono note come “citochine pro-infiammatorie”. Le citochine sono rilasciate dal sistema immunitario in risposta a malattie o altri fattori, e si presentano in varie forme, tra cui quelle pro-infiammatorie.

L’infiammazione regolare è una normale funzione corporea, poiché il vostro sistema cerca di liberarvi da infezioni o altri danni. Ma quando viene rilasciata una quantità eccessiva di citochina pro-infiammatoria, il corpo inizia a reagire fisicamente e psicologicamente, il cosiddetto “comportamento da malattia”.

Questo si vede in alcune ricerche sulla depressione, dove i ricercatori hanno trovato la citochina pro-infiammatoria TNF-alfa in quantità molto più elevate in pazienti con diagnosi di depressione rispetto a quelli che non lo erano.

Pertanto, non sorprende che la vanillina sia stata trovata con risultati antidepressivi, in quanto può essere correlata alla sua capacità di ridurre l’infiammazione (anche se questo non è stato menzionato specificamente in questo studio). Non così scioccante, i soggetti che hanno sperimentato la reazione sono stati all’altezza della loro reazione positiva alla fluoxetina, un comune farmaco SSRI prescritto per la depressione. A differenza della fluoxetina, che ha effetti collaterali “comuni”, tra cui sogni strani, dolore, vomito, diarrea, sintomi influenzali e impotenza – e circa una dozzina di altri – la vanillina non mostra effetti collaterali negli studi su animali.

Cerchi un modo per liberarti dalla febbre? Mentre una febbre di basso grado è un segno che il vostro corpo sta combattendo l’infezione, la vaniglia è da tempo un rimedio popolare comune per ridurre la febbre in modo naturale.

Abbassa il colesterolo

In studi preliminari sui ratti, la vanillina ha un potenziale nell’abbassamento del colesterolo alto. Per coloro che hanno bisogno di abbassare il colesterolo in modo naturale e veloce, incorporare l’estratto di vaniglia negli alimenti può essere una delle opzioni utili.

Storia della vaniglia

Fino alla metà del XIX secolo, il Messico è stato il principale esportatore di vaniglia. I Totonac, storico popolo messicano situato sulla costa orientale del Paese, sembrano essere i primi produttori di questa incredibile pianta. La leggenda del Totonac ci racconta che alla principessa Xanat, un’immortale, fu proibito dal padre, il re, di sposare un mortale. Dopo essere scappata con il suo amante, i due furono decapitati al momento della cattura. Fortunatamente per noi, il loro sangue cadde a terra e creò la vite della vaniglia.

Gli Aztechi invasero la terra del Totonac nel XV secolo, trovando questo “fiore nero” tra i preferiti del loro popolo. Il loro capo, Tenochtitlan, chiese al popolo di Totonac di rendere omaggio agli Aztechi consegnandogli la vaniglia.

La vaniglia si fece poi strada in Spagna quando gli Aztechi furono conquistati. Per secoli, questo aroma è stato considerato nient’altro che un “add-on” ai dolci al cioccolato, anche per gli Aztechi. La situazione cambiò nel 1600 grazie a uno speziale creativo di nome Hugh Morgan, che ebbe l’idea di creare dolci al gusto di vaniglia senza cioccolato. Furono un successo con la regina Elisabetta I.

In altri 100 anni, la vaniglia era un gusto comune per il gelato in Europa. Thomas Jefferson, che viveva a Parigi negli anni Ottanta del XVII secolo, lo trovava una delizia da copiare una ricetta che ora è conservata nella Biblioteca del Congresso.

Ci volle un altro secolo per vedere la vaniglia o l’estratto di vaniglia come ingrediente fisso di altre ricette comuni, anche se oggi è una delle spezie più popolari nei dolci. Nel 1886, la Coca-Cola di John Pemberton entrò in vendita per la prima volta, contenente l’ingrediente essenziale della vaniglia e che si spacciava per “apprezzato tonico cerebrale e bevanda intellettuale”.

La produzione della vaniglia è, come ho detto prima, un processo costoso e ad alta intensità di manodopera, ed è per questo che la vaniglia è al secondo posto nella lista delle spezie costose, mancando il primo posto allo zafferano. Sembra un miracolo che la vaniglia esista, perché il suo metodo di impollinazione nella sua patria, il Messico, consiste in una finestra incredibilmente breve di 24 ore per fiore, in cui il fiore deve essere impollinato dalle api Melipona e, occasionalmente, dai colibrì, per evitare che appassisca, muoia e cada lontano dalla pianta.

Quando uno schiavo dodicenne del paese Réunion (un insediamento francese nell’Oceano Indiano, vicino al Madagascar) di nome Edmond Albius trovò il modo di impollinare le orchidee a mano, tuttavia, questa misteriosa pianta cominciò a fiorire. Nel giro di circa 60 anni, nel 1889, questo paese e le vicine isole del Madagascar e delle Comore erano cresciuti fino a produrre circa l’80 per cento della vaniglia del mondo, 200 tonnellate all’anno.

Oggi la vaniglia viene prodotta principalmente in una combinazione di isole e paesi dell’Oceano Indiano, del Pacifico meridionale, delle Indie occidentali e dell’America centrale e meridionale. Anche se il Messico è il paese in cui la vaniglia ha avuto il suo inizio, è un modesto esportatore di questi tempi, che non è all’altezza dei maggiori esportatori di vaniglia Bourbon e Madagascar Vanilla.

Rischi ed effetti collaterali

La vaniglia non ha effetti collaterali comuni o interazioni medicinali, anche se in alcuni rari casi può causare reazioni allergiche molto lievi, come irritazione della pelle, mal di testa o problemi di sonno. Se si verifica uno di questi casi in relazione al consumo di vaniglia, consultare il proprio medico e interrompere l’uso.

Considerazioni finali

L’estratto di vaniglia non è lo stesso dell’olio di vaniglia. Sono creati con processi simili, ma l’estratto è creato percolando i fagioli di vaniglia in alcool, mentre l’olio di vaniglia deriva dall’immersione dei fagioli in un olio di supporto.
L’estratto di vaniglia contiene un numero relativamente basso di calorie per il suo incredibile profilo aromatico.
La maggior parte dei prodotti “vanigliati” presenti sul mercato non provengono in realtà dai semi di vaniglia, ma sono sintetizzati da un sottoprodotto della segatura noto come lignina.
I fagioli di vaniglia del Madagascar sono conosciuti come la specie di fagioli di vaniglia più ricca di sapore.
Fare il proprio estratto di vaniglia fatto in casa non richiede molto lavoro, ma ci vogliono circa otto settimane.
L’estratto di vaniglia ha proprietà antiossidanti, antibatteriche e antinfiammatorie che hanno un impatto significativo sui vari sistemi del corpo.
La produzione di vaniglia è iniziata in Messico nel XV secolo e si è diffusa in Europa e nel resto del mondo nei secoli successivi.

 

Ultimo aggiornamento 2020-07-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Forse ti interessa anche: