Integratore q10 dove si compra | Guida Completa all’Acquisto 2020

Il CoQ10 (abbreviazione di Coenzima Q10) è un elemento essenziale per molte funzioni quotidiane ed è richiesto da ogni singola cellula del corpo. Come antiossidante che protegge le cellule dagli effetti dell’invecchiamento, il CoQ10 è stato utilizzato negli studi medici per decenni, soprattutto per il trattamento dei problemi cardiaci.

Anche se il corpo crea il Coenzima Q10, non sempre lo fa in modo coerente. La mancanza di CoQ10, o carenza di CoQ10, è più comunemente associata agli effetti dannosi dello stress ossidativo (chiamato anche danno da radicali liberi). La carenza di CoQ10 è ora ritenuta associata a condizioni come il declino della cognizione, il diabete, il cancro, la fibromialgia, le malattie cardiache e le condizioni muscolari.

In effetti, la capacità antiossidante del CoQ10 è ciò che lo rende uno degli integratori anti-invecchiamento più popolari al mondo, e perché può essere una grande aggiunta a un programma di salute integrativo.

Integratori e consigli sul dosaggio

COQ10 si trova in quantità talmente basse nella maggior parte degli alimenti che anche una dieta sana potrebbe essere un modo poco pratico per soddisfare i dosaggi giornalieri raccomandati. L’assunzione di un integratore giornaliero di alta qualità di CoQ10 in forma di capsula (che aiuta con un più facile assorbimento nel flusso sanguigno) può chiudere il ponte tra questa lacuna.

Dosaggio dell’integratore CoQ10:

I dosaggi degli integratori di CoQ10 variano da 50 a 1200 milligrammi al giorno. La maggior parte degli integratori rientra nell’intervallo 100-200 milligrammi. (55)

A seconda delle condizioni che gli studi sulla condizione cercano di trattare, le raccomandazioni di dosaggio del CoQ10 possono variare da 90 milligrammi fino a 1.200 milligrammi. Questa dose maggiore è stata tipicamente utilizzata solo per studiare i benefici neurologici del CoQ10 – la maggior parte degli studi di successo utilizza tra 100-300 milligrammi.
Quanto costano di solito gli integratori di CoQ10 e come si può trovare una marca affidabile?

Ciò che è importante, e fa una grande differenza in termini di benefici che otterrete dall’assunzione di integratori di CoQ10, è che la concentrazione è in realtà pari all’importo indicato. Alcuni prodotti utilizzano riempitivi o potenziatori e possono anche fornire un dosaggio inferiore a quello dichiarato dal produttore.

Cercare prodotti con recensioni, certificazioni che garantiscano il dosaggio corretto e il minimo possibile di conservanti o riempitivi, insieme a integratori che abbiano le giuste concentrazioni di CoQ10.

 

Integratore q10 dove si compra

Coenzima Q10 200 mg - Ubichinone Puro al 100% - 120 Capsule Vegane di CoQ10 ad Alto Dosaggio - Fornitura di 4 Mesi -Ubichinone Fermentato Naturalmente - Prodotto nel Regno Unito da Nutravita
  • ✔︎ PERCHÉ ACQUISTARE IL COENZIMA Q10 DI NUTRAVITA? - Le nostre capsule vegane di CoQ10 ad alto dosaggio contengono 200 mg per...
  • ✔︎ A COSA SERVE IL CoQ10? - Il coenzima Q10 è un antiossidante che aiuta a proteggere le cellule dagli effetti dei radicali liberi...
  • ✔︎ PERCHÉ PRENDERE I SUPPLEMENTI COQ10? - Il coenzima Q10 si presenta naturalmente ed è presente in tutte le cellule come...
  • ✔︎ QUALI INGREDIENTI USA NUTRAVITA? - Ci affidiamo a un team dedicato di farmacologi, chimici e ricercatori scientifici che si...
  • ✔︎ CENNI STORICI SU NUTRAVITA - Nutravita è un’impresa familiare fondata nel Regno Unito nel 2014. Da allora siamo diventati un...
Offerta
Coenzima Q10 - 100% VEGAN e ALTAMENTE DOSATO con 200 mg di Coq10 per Capsula - 120 Capsule - MADE IN GERMANY
  • RAPPORTO QUALITA‘ PREZZO TOP - I nostri integratori alimentari non solo vengono preparati con particolare cura, ma, grazie alla loro...
  • INTEGRATORE ALIMENTARE ALTAMENTE CONCENTRATO - 1 capsula contiene 200 mg di coenzima Q10
  • ALTA DIGERIBILITA‘ -Rinunciando all'uso di aromi artificiali, coloranti e conservanti, i nostri integratori sono particolarmente...
  • MADE IN GERMANY - I nostri prodotti sono soggetti a severi controlli di qualità e sono fabbricati esclusivamente in stabilimenti...
  • GARANZIA DI SODDISFAZIONE AL 100% - Qualora non foste soddisfatti del vostro prodotto, potete restituirlo entro un anno, e riceverete...
CoQ10 da 100 mg | 120 Capsule di Coenzima Q10 | Integratori alimentari Nu U Nutrition
  • ✔ MASSIMA POTENZA - Il nostro integratore - prodotto nel Regno Unito - è disponibile in capsule facili da inerire e in dosi da 100...
  • ✔ MASSIMA TRANQUILLITÀ CON I NOSTRI INTEGRATORI PRODOTTI NEL REGNO UNITO - Molti integratori di CoQ10 provengono da altri Paesi,...
  • ✔ FINO A 4 MESI DI FORNITURA - La nostra fantastica confezione da 120 capsule ha un PREZZO VANTAGGIOSO e ti assicura una scorta di...
  • ✔ GARANZIA CONTRO I RISCHI - Garantiamo il rimborso completo, senza chiedere ulteriori spiegazioni, permettendoti di migliorare la...
Offerta
Life Extension, Super Ubichinol CoQ10, 100 mg, 60 Softgels
  • Una forma altamente efficace di coenzima Q10; migliore biodisponibilità rispetto al coenzima ubiquinone Q10.
  • I mitocondri sono i motori delle cellule umane e il coenzima Q10 (CoQ10) è cruciale per la funzione delle cellule sane.
Offerta
COENZIMA Q10 Vegavero® | Antiossidante & Anti invecchiamento | con Vitamina C, Vitamina E, Acerola e Zinco | 120 capsule | Vegan
  • ✨ ANTI AGING: un integratore di Coenzima Q10 è utile per contrastare l’invecchiamento cellulare e l’azione dei radicali liberi....
  • ⭐ COENZIMA NATURALE: il nostro CoQ10 non è sintetico, ma è proviene da fermentazione naturale al 100%. Utilizziamo l’ubichinone...
  • 📍 SENZA ADDITIVI: Ogni capsula contiene 100 mg di Coenzima Q10. Prodotto privo di qualsiasi additivo (senza Magnesio Stearato) e...
  • 🌿 VEGAVERO COMPLEX: è sinonimo di prodotti unici, creati per soddisfare gli stili di vita e le esigenze quotidiane dei nostri...
  • 💓 AL VOSTRO FIANCO: La premura nei vostri confronti fa parte della nostra filosofia. Per questo oltre a elaborare integratori...

Che cos’è il CoQ10?

Il nome può non sembrare molto naturale, ma il CoQ10 è in realtà un nutriente essenziale che funziona come un antiossidante nel corpo. Nella sua forma attiva, si chiama ubichinone o ubichinolo. Il CoQ10 è presente nel corpo umano ai massimi livelli nel cuore, nel fegato, nei reni e nel pancreas. È immagazzinato nei mitocondri delle cellule, spesso chiamati “centrali elettriche delle cellule”, ed è per questo che è coinvolto nella produzione di energia.

A cosa serve il CoQ10?

Viene sintetizzato all’interno del corpo in modo naturale e utilizzato per funzioni importanti, come fornire energia alle cellule, trasportare elettroni e regolare i livelli di pressione sanguigna. Come “coenzima”, il CoQ10 aiuta anche altri enzimi a funzionare correttamente. Il motivo per cui non è considerato una “vitamina” è che tutti gli animali, compresi gli esseri umani, possono produrre piccole quantità di coenzimi da soli, anche senza l’aiuto del cibo. Mentre il corpo umano produce alcuni CoQ10, gli integratori di CoQ10 sono disponibili anche in varie forme – tra cui capsule, compresse e per via endovenosa – per le persone che hanno bassi livelli e possono beneficiare di più.

Come funziona il CoQ10

Per sostenere abbastanza energia per svolgere le funzioni corporee, all’interno delle nostre cellule, i minuscoli organuli chiamati mitocondri assumono grassi e altri nutrienti e li trasformano in fonti di energia utilizzabili. Questo processo di conversione richiede la presenza di CoQ10.
Il Coenzima Q10 non è solo necessario per produrre energia cellulare, ma anche per difendere le cellule dai danni causati dai radicali liberi dannosi.
Il Coenzima Q10 può esistere in tre diversi stati di ossidazione, e la capacità in alcune forme di accettare e donare elettroni è una caratteristica critica nelle sue funzioni biochimiche che annullano i danni dei radicali liberi.
Come potente antiossidante, il Coenzima Q10 può aumentare l’assorbimento di altri nutrienti essenziali. È stato dimostrato che aiuta a riciclare la vitamina C e la vitamina E, massimizzando ulteriormente gli effetti delle vitamine e degli antiossidanti che sono già all’opera nel corpo.

Devo prendere un integratore di CoQ10?

È una domanda giusta – se il vostro corpo già contiene e produce CoQ10 da solo, c’è una ragione per cui dovreste assumerlo anche in forma di integratore? Anche se il corpo ha la capacità di produrre un po’ di CoQ10 da solo, la produzione di CoQ10 diminuisce naturalmente con l’età – proprio quando abbiamo bisogno delle nostre cellule per aiutarci a difenderci meglio.

Carenza di CoQ10:

Alcuni fattori che contribuiscono alla carenza di CoQ10/bassi livelli, oltre all’invecchiamento e alle tare genetiche, sono ritenuti includere:

Avere malattie croniche
Elevati livelli di stress ossidativo
Carenze nutrizionali di vitamine del gruppo B
Malattie mitocondriali
Assunzione di farmaci a base di statina

Come già detto, la capacità naturale di convertire il CoQ10 nella sua forma attiva chiamata ubichinolo diminuisce durante il processo di invecchiamento. Questo declino è più evidente nelle persone di età superiore ai 40 anni, in particolare nelle persone che assumono farmaci a base di statina. È stato anche scoperto che le persone con diabete, cancro e scompenso cardiaco congestizio tendono ad avere una diminuzione dei livelli plasmatici del coenzima Q10, anche se il calo dei livelli di CoQ10 legato all’età non è definito medicalmente come una “carenza”.

Raramente, una persona può soffrire di “carenza primaria di coenzima Q10”, che è un difetto genetico che impedisce al corpo di sintetizzare correttamente questo composto. Per questi individui, l’integrazione con CoQ10 è tipicamente necessaria per aiutare a invertire i sintomi cerebrali e muscolari della carenza primaria di CoQ10.

Sostiene l’energia naturale

CoQ10 svolge un ruolo nella “sintesi mitocondriale ATP“, che è la conversione di energia grezza da alimenti (carboidrati e grassi) in forma di energia che le nostre cellule utilizzano chiamato adenosina trifosfato (ATP). Questo processo di conversione richiede la presenza del coenzima Q nella membrana mitocondriale interna. Uno dei suoi ruoli è quello di accettare gli elettroni durante il metabolismo degli acidi grassi e del glucosio e poi trasferirli agli accettatori di elettroni.

Il processo di produzione dell’ATP è fondamentale per ogni cellula del corpo umano e permette anche di inviare messaggi tra le cellule. Per mantenere l’energia (fino al livello cellulare), la sintesi di ATP è vitale, e ha bisogno di CoQ10 per fare il suo lavoro.

Il CoQ10 può anche migliorare l’affaticamento specifico legato all’esercizio fisico. Tre studi separati in doppio cieco, controllati con placebo nell’uomo, hanno mostrato miglioramenti nella fatica legata all’esercizio fisico se integrati con CoQ10 (a dosaggi tra 100-300 milligrammi al giorno).

Riduce i danni radicali liberi

Il danno ossidativo (o danno da radicali liberi) delle strutture cellulari gioca un ruolo importante nei cali funzionali che accompagnano l’invecchiamento e causano malattie. Come antiossidante solubile in acqua e liposolubile, il CoQ10 è stato trovato per inibire la perossidazione lipidica, che si verifica quando le membrane cellulari e le lipoproteine a bassa densità sono esposte a condizioni ossidanti che entrano dall’esterno del corpo.

Infatti, quando LDL è ossidato, il CoQ10 è uno dei primi antiossidanti utilizzati per aiutare a compensare gli effetti. All’interno dei mitocondri, il coenzima Q10 è stato trovato per proteggere le proteine di membrana e il DNA dai danni ossidativi che accompagnano la perossidazione dei lipidi e neutralizzare direttamente i radicali liberi che contribuiscono a quasi tutte le malattie legate all’età (malattie cardiache, cancro, diabete, malattie neurologiche, ecc.)

Un modo in cui questo potrebbe essere particolarmente efficace si trova in uno studio di ricerca che ha scoperto che il CoQ10 può aiutare a proteggere da alcuni stress ossidativi causati dalla resistenza all’insulina e correlati al diabete.

Può migliorare la salute del cuore e gli effetti di offset dei farmaci statinici

Anche se gli esperti ritengono che siano ancora necessari ulteriori studi clinici ben controllati per dimostrare i suoi effetti, il CoQ10 ha un forte potenziale per la prevenzione e il trattamento dei disturbi cardiaci migliorando la bioenergetica cellulare, agendo come antiossidante e potenziando le capacità di scavenging dei radicali liberi.

Quello che sappiamo è che l’integrazione di CoQ10 può essere utile per chi assume statine, poiché può ridurre gli effetti collaterali che spesso causano. Le statine sono utilizzate per ridurre un enzima nel fegato che non solo diminuisce la produzione di colesterolo, ma anche abbassa ulteriormente la produzione naturale di CoQ10.

E’ possibile che il CoQ10 possa interagire con i farmaci per l’abbassamento dei lipidi che inibiscono l’attività della HMG-CoA reduttasi, un enzima critico sia nel colesterolo che nella biosintesi del coenzima Q10. Un integratore di CoQ10 è spesso raccomandato per ripristinare i livelli naturali al loro ottimale e contrastare gli effetti dei farmaci statinici, compreso il dolore muscolare.

Questo non è però l’unico modo in cui il CoQ10 può sostenere il cuore e il sistema circolatorio.

Il CoQ10 migliora la circolazione?

Sì – e può essere in grado di aumentare il flusso sanguigno e migliorare le prestazioni e la capacità di esercizio per le persone che hanno sofferto di insufficienza cardiaca

Il CoQ10 abbassa la pressione sanguigna?

I risultati dello studio sono stati complessivamente contrastanti per quanto riguarda i suoi effetti sull’ipertensione. Secondo i National Institutes of Health, “La piccola quantità di prove attualmente disponibili suggerisce che il CoQ10 probabilmente non ha un effetto significativo sulla pressione sanguigna”.

[CoQ10] ha un potenziale di utilizzo nella prevenzione e nel trattamento delle malattie cardiovascolari, in particolare l’ipertensione (pressione alta), l’iperlipidemia, le malattie coronariche e l’insufficienza cardiaca… Ulteriori studi clinici sono giustificati, ma a causa della sua bassa tossicità può essere opportuno raccomandare il coenzima Q10 per selezionare i pazienti come coadiuvante del trattamento convenzionale.

Rallenta gli effetti dell’invecchiamento

La sintesi mitocondriale dell’ATP è una funzione importante per mantenere un metabolismo veloce, la forza dei muscoli, la forza dei muscoli, le ossa forti, la pelle giovane e il tessuto sano, e gli anormali mitocondriali possono causare problemi. I livelli tissutali del coenzima Q10 sono stati riportati a diminuire con l’età, e questo si ritiene che contribuisca a ridurre il metabolismo energetico e la degenerazione degli organi, come il fegato e il cuore, e il muscolo scheletrico.

Sebbene non sia stato dimostrato che l’integrazione con il CoQ10 aumenti la durata della vita degli animali che sono stati testati con esso, i ricercatori ritengono che possa rallentare l’aumento del danno al DNA legato all’età che naturalmente ci riguarda tutti. I possibili benefici anti-invecchiamento del consumo di più CoQ10 includono:

Protezione del cuore contro l’invecchiamento dovuto allo stress
Protezione della struttura genetica dei muscoli scheletrici per mantenere i muscoli forti, riducendo al minimo il rischio di lesioni alle ossa e alle articolazioni
Miglioramento della fertilità durante i 40 anni grazie all’inversione della degradazione delle uova e all’aumento della produzione di ATP
Aumento dell’attività degli antiossidanti catalasi e glutatione per proteggere le membrane cellulari in tutto il corpo dai danni dei radicali liberi
Riduzione dei danni cutanei UV (forma di crema topica)

Aiuta a mantenere livelli di pH ottimali

All’interno delle cellule, il CoQ10 aiuta a trasportare le proteine attraverso le membrane e a separare alcuni enzimi digestivi dal resto della cellula, il che aiuta a mantenere un pH ottimale. Si ritiene che le malattie si sviluppino più facilmente in ambienti che devono lavorare più duramente per mantenere livelli di pH adeguati.  Questo, oltre alla sua maggiore capacità antiossidante, può essere uno dei motivi per cui il rischio di cancro può essere associato ai livelli di CoQ10.

Aumenta l’impatto dei farmaci chemioterapici e protegge dagli effetti collaterali: L’integrazione con il CoQ10 durante il trattamento del cancro può aiutare ad aumentare il potenziale cancerogeno di questi farmaci (come la doxorubicina e la daunorubicina). Ci sono anche prove che il CoQ10 può proteggere il cuore dai danni al DNA che a volte possono verificarsi a causa di alte dosi di farmaci chemioterapici.

Potrebbe aiutare a prevenire il cancro al colon: Uno studio di ricerca ha scoperto che il CoQ10 riduce significativamente lo stress ossidativo nel colon che porta al cancro al colon. Anche se questo deve ancora essere replicato negli esseri umani, suggerisce un potenziale preventivo del CoQ10 per coloro che sono a rischio di cancro al colon.

Potrebbe avere un ruolo nella prevenzione del cancro al collo dell’utero: Bassi livelli di CoQ10 si vedono nei pazienti con cancro del collo dell’utero, anche se non è chiaro il perché. È possibile che l’integrazione con il CoQ10 possa ridurre il rischio di sviluppare il cancro del collo dell’utero nelle donne a cui vengono diagnosticate lesioni cervicali precancerose, ma questo richiede ancora molti più studi prima di poterne essere sicuri.

Può migliorare il tasso di sopravvivenza nei tumori in stadio terminale: Uno studio pilota di nove anni ha seguito 41 pazienti con vari tumori primari che erano avanzati fino al quarto stadio e a cui sono stati somministrati integratori di CoQ10 più un’ulteriore miscela antiossidante. Tra i pazienti seguiti, il tempo mediano di sopravvivenza è stato di 17 mesi, cinque mesi in più del previsto. In totale, il 76% dei pazienti è sopravvissuto in media più a lungo del previsto, con effetti collaterali minimi o nulli rispetto al trattamento.

Questi studi sono lungi dall’essere una prova inconfutabile, ma incoraggiano l’idea che l’integrazione del CoQ10 possa contribuire a migliorare i fattori di rischio e persino la sopravvivenza con alcuni tipi di cancro.

Può proteggere la salute cognitiva

In coloro che hanno problemi cognitivi, come il morbo di Parkinson, l’aumento dello stress ossidativo in una parte del cervello chiamata substantia nigra è pensato per contribuire ai sintomi. CoQ10 ha dimostrato di compensare le diminuzioni di attività delle catene di trasporto degli elettroni mitocondriali che influenzano i canali nervosi e le funzioni cerebrali, e gli studi dimostrano che le persone con disturbi cognitivi tendono ad avere livelli ridotti di CoQ10 nel sangue.

Diversi studi hanno studiato gli effetti del CoQ10 in individui affetti dal morbo di Parkinson. Uno studio randomizzato, controllato con placebo, che ha valutato l’efficacia di 300, 600 o 1.200 milligrammi al giorno somministrati a 80 persone con Parkinson precocemente affette da malattia di Parkinson, ha trovato che l’integrazione era ben tollerata e associata a un deterioramento più lento delle funzioni cognitive rispetto al placebo. Altri studi hanno dimostrato che circa 360 milligrammi al giorno assunti per quattro settimane hanno apportato un moderato beneficio ai pazienti affetti da morbo di Parkinson.

Altre prove suggeriscono però risultati contrari per il Parkinson. Due studi, uno nel Parkinson a metà stadio e l’altro in fase iniziale, non hanno trovato alcun miglioramento significativo o rallentamento della malattia derivante dal trattamento del CoQ10, portando all’annullamento di uno studio clinico pianificato a causa dell’ipotesi che il Coenzima Q10 difficilmente sarebbe efficace rispetto al placebo.

Alcuni studi preliminari hanno trovato risultati positivi in studi di laboratorio e di ricerca, e alcuni piccoli studi clinici sull’uomo, per il CoQ10 per trattare alcuni dei declino cognitivo di altre malattie neurologiche, tra cui la paralisi sopranucleare progressiva (PSP), il morbo di Huntington, la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) e l’atassia di Friedreich.

Per quanto riguarda la più nota malattia neurodegenerativa, il morbo di Alzheimer, ci sono stati pochi o nessun test umani condotti utilizzando il CoQ10. Tuttavia, gli studi di ricerca hanno trovato risultati modestamente positivi, rendendo il Coenzima Q10 una possibile aggiunta alla dieta e al piano di integrazione del morbo di Alzheimer.

Potrebbe migliorare l’infertilità maschile

E’ possibile che il CoQ10 possa aiutare a migliorare i problemi di fertilità negli uomini. Negli studi clinici, l’integrazione con il Coenzima Q10 in modo significativo:

Migliora la motilità dello sperma (movimento)
Aumenta i tassi di fecondazione
Aumenta la conta degli spermatozoi
Migliora la morfologia dello sperma (dimensione/forma)
Aumenta gli antiossidanti nel plasma seminale
Aids nel trattamento dell’astenozoospermia (motilità spermatica diagnostica bassa)
Migliora i sintomi della malattia di Peyronie (una grave malattia di infertilità maschile)

Tratta i sintomi della fibromialgia

Molteplici studi clinici e case report hanno scoperto che il CoQ10 può essere un potente metodo naturale per il trattamento dei sintomi della fibromialgia. Negli adulti, il dosaggio era tipicamente 300 milligrammi al giorno, mentre uno studio sulla fibromialgia giovanile si è concentrato su una dose di 100 milligrammi.

I miglioramenti includono la riduzione dei sintomi del dolore generale, meno mal di testa, riduzione della fatica/stanchezza, ripristino della funzione mitocondriale, riduzione dello stress ossidativo e miglioramento dei marcatori del colesterolo (nello studio giovanile).

Alimenti

Il coenzima Q10 si trova naturalmente nelle nostre diete a base di alimenti, tra cui pesce, fegato, reni e germi di cereali integrali. Le fonti naturali più ricche di coenzima Q10 nella dieta sono la carne, il pollame e il pesce, ma anche le opzioni vegetariane, come fagioli, noci, alcune verdure, uova e latticini, sono utili per aumentare l’assunzione.
La mia raccomandazione per i migliori alimenti per la fornitura di CoQ10 include:

Carne di manzo
Aringa
Pollo ruspante
Trota iridea
Semi di sesamo
Noci di pistacchio
Broccoli
Cavolfiore
Arance
Fragole
Uova senza gabbia
Sardine
Sgombro

Attualmente, non esiste una raccomandazione specifica per l’assunzione di CoQ10 stabilita dall’Istituto di Medicina o da altre agenzie. Poiché è un antiossidante liposolubile, viene assorbito più facilmente se consumato con una piccola quantità di grassi sani (proprio come le vitamine E e A). Anche se può essere ottenuto da alcuni alimenti, gli alimenti tendono a fornire solo basse dosi, che è esattamente il motivo per cui molti esperti raccomandano di integrare se si è più anziani o hanno una condizione che può beneficiare di un’integrazione di CoQ10.

I sintomi della carenza non sono stati ampiamente segnalati o studiati in modo molto dettagliato nella popolazione generale. Si stima che la dieta di una persona media contribuisca a circa il 25% del CoQ10 totale. Il modo migliore per ottenerne abbastanza è seguire una dieta varia e densa di nutrienti, PIÙ considerare l’integrazione se ha senso per la propria situazione individuale.

 

Quando si deve assumere CoQ10, mattina o sera?

Anche se può essere assunto in qualsiasi momento, è meglio assumere il CoQ10 con un pasto contenente grassi, in quanto è liposolubile. Se si assume un dosaggio di CoQ10 che supera i 100 mg al giorno, è meglio dividere le dosi in due o tre porzioni più piccole, che aiutano l’assorbimento.

Ci sono prove che l’assunzione di CoQ10 di notte può aiutare la capacità dell’organismo di usarlo, quindi una buona opzione è prenderlo con la cena. Tuttavia, alcune persone riferiscono di avere difficoltà ad addormentarsi se prendono il CoQ10 vicino all’ora di andare a letto, quindi questo si riduce a una preferenza individuale.
Rischi ed effetti collaterali

Anche se è considerato molto sicuro nel complesso ed è stato utilizzato in campo medico per molti anni, gli effetti collaterali del CoQ10 possono ancora colpire alcune persone. I potenziali effetti collaterali del CoQ10 possono includere:

Diarrea
Nausea
Bruciore di stomaco
Dolore addominale superiore
Perdita di appetito
Mal di testa
Insonnia
Rashes
Fatica
Vertigini
Sensibilità alla luce
Irritabilità

Leggere le etichette del dosaggio dei vostri integratori di coenzima Q10 e attenersi ad esse, a meno che non sia stato indicato diversamente dal vostro operatore sanitario.

Se siete incinte o allattate, probabilmente è meglio non prendere gli integratori di CoQ10, poiché non è chiaro se sono sicuri o meno in questi casi.

Gli integratori di Coenzima Q10 possono diminuire l’efficacia anticoagulante delle statine come il warfarin e altri farmaci comuni che abbassano il colesterolo (come quelli noti come le statine inibitrici della HMG-CoA reduttasi). Parlate con il vostro medico di essere monitorati se prendete questi farmaci.

 

Ultimo aggiornamento 2020-07-02 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Forse ti interessa anche: