In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Lunghezza focale

La lunghezza focale è una delle cose principali da considerare quando si acquista e si seleziona un obiettivo. E capire come funziona la lunghezza focale è essenziale per catturare le foto che si desidera. Altrimenti, sceglierete obiettivi con angoli di visuale casuali che servono solo a confondervi con le scelte.

Alla fine di questo articolo avrete una solida base su ciò che è la lunghezza focale o focal lenght e su come si relaziona con la fotografia digitale.

La lunghezza focale tocca molti elementi delle basi della fotografia; la composizione, il diaframma, la profondità di campo e altri aspetti cambiano quando si prende in considerazione la lunghezza focale! Ogni torsione della ghiera dello zoom o lo scambio di un obiettivo principale è un cambiamento nell’interazione tra la lunghezza focale e la vostra visione creativa.

CHE COS’È LA LUNGHEZZA FOCALE IN FOTOGRAFIA?

La definizione più semplice di lunghezza focale è una descrizione della distanza tra il centro di un obiettivo e il sensore di immagine quando l’obiettivo è a fuoco all’infinito.

La lunghezza focale si riferisce anche al campo visivo (chiamato anche angolo di visuale) perché cambiando la lunghezza focale si modifica il campo visivo – spiegherò di più su come il campo visivo e la lunghezza focale di una lente interagiscono tra loro in modo più dettagliato qui sotto.

È importante considerare che la lunghezza focale è una proprietà statica di un obiettivo.Un obiettivo APS-C da 16 mm è un obiettivo da 16 mm anche se ha un campo visivo equivalente a 24 mm in una fotocamera a pieno formato.

COSA SIGNIFICA LA LUNGHEZZA FOCALE DI UN OBIETTIVO? E COSA SONO I MILLIMETRI NEGLI OBIETTIVI?

Come funziona la lunghezza focale descrivendo ogni obiettivo in termini di millimetri (obiettivo mm). Questa descrizione è una dura realtà fisica dell’obiettivo in questione, indipendentemente dalla marca, dal formato o dall’apertura.

Questo concetto può essere complicato quando entrano in gioco il fattore di ritaglio e il campo visivo da quando abbiamo iniziato a chiederci quale sia l’equivalenza della lunghezza focale di un obiettivo che lo utilizza in una fotocamera con un diverso formato di sensore.

La chiave è capire che la lunghezza focale viene calcolata misurando la distanza dal centro ottico dell’obiettivo al sensore di immagine. Più lunga è la lunghezza focale, più lunga sarà fisicamente la lente. Gli obiettivi con una vista più ampia avranno una lunghezza focale più corta e sono fisicamente più corti al confronto.

 

COME SONO CORRELATI LA LUNGHEZZA FOCALE E IL CAMPO VISIVO

A parte la definizione di lunghezza focale in fotografia come misura in millimetri dall’obiettivo al sensore di immagine, la lunghezza focale ha un impatto diretto sull’angolo di visione, che è una proprietà statica dell’obiettivo in questione, ma è influenzata dal fattore di ritaglio del sensore.

L’angolo di visione in fotografia è l’area della scena che viene catturata dal sensore della fotocamera. Quest’area è descritta in gradi di copertura davanti alla telecamera.

Il campo visivo si riferisce all’angolo di visione per una data lente.

In termini pratici, l’angolo di visione e il campo visivo sono usati in fotografia in modo intercambiabile per indicare il modo in cui le nostre macchine fotografiche “vedono” la scena, e l’uso di una lunghezza focale corta o lunga cambierà drasticamente il campo visivo o la quantità di scena che viene fotografata.

Cos'è la lunghezza focale (focal lenght) di un obiettivo

 

LUNGHEZZA FOCALE CORTA (GRANDANGOLO DI CAMPO VISIVO) ULTRAGRANDANGOLARE

Quando si guarda la lunghezza focale dell’obiettivo in questione e si vede un numero inferiore a 35 mm, si sa che si tratta di una lunghezza focale corta.

Questi obiettivi assumono un campo visivo più ampio di quello a cui normalmente prestiamo attenzione. Un’immagine scattata con un obiettivo da 15 mm sembrerà anormalmente espansiva, prendendo, ad esempio, un intero paesaggio con facilità.

Le fotografie scattate con lunghezze focali brevi mostrano una distorsione in alcuni elementi; quelle più vicine al primo piano sono ingrandite, mentre tutti gli elementi sullo sfondo mostrano una prospettiva ridotta.

A lunghezze molto ampie, l’immagine può apparire distorta e fisheye. Un uso attento del posizionamento del soggetto può eliminare o limitare gli effetti di distorsione.

Le proprietà ottiche delle lenti a focale corta consentono anche la creatività nell’uso della profondità di campo o della profondità di messa a fuoco. La comprensione del f-stop o dell’apertura è importante quando si utilizza questo tipo di obiettivo.

L’angolo di visione più ampio non deve essere necessariamente estremo. Un obiettivo appena un po’ più largo del normale può aiutare le vostre fotografie a catturare una maggiore quantità di scena senza introdurre un effetto di bordo curvo. Anche un effetto di distorsione ultra-ampio può essere utilizzato in modo da migliorare l’immagine finale.

Qual è la lunghezza di un obiettivo grandangolare? Fondamentalmente, qualsiasi cosa più corta del normale. Da 8 mm a 35 mm è considerato largo su una fotocamera a pieno formato.

Un obiettivo con una lunghezza di 35mm, 28mm, o anche 24mm non sembrerà particolarmente largo. Lunghezze più corte, tuttavia, possono rendere le cose più difficili. La distorsione dell’allungamento della linea può davvero contorcere il volto di una persona, esagerando i suoi lineamenti.

Questo è il motivo per cui i fotografi in genere non cercano questo tipo di obiettivo quando fanno ritratti. Per la fotografia architettonica e immobiliare, invece, il campo visivo più ampio può consentire di mostrare l’intera portata di una stanza o di una struttura. Questi obiettivi sono spesso utilizzati anche nella fotografia di paesaggio.

 

LUNGHEZZA FOCALE LUNGA (SMALL PICTURE ANGLE) TELE

Una lunghezza focale dell’obiettivo superiore a 50 mm è considerata una lunghezza focale lunga. Questa visione è più stretta di quella normale a cui siamo abituati quando prestiamo scarsa attenzione. Un’immagine scattata con un teleobiettivo da 100 mm avrà una sezione di copertura molto più piccola rispetto a un campo visivo normale o grandangolare.

Le foto scattate con una lunghezza focale lunga sembrano più “compresse” rispetto alle lunghezze focali più corte, e consentono di catturare i soggetti da una distanza maggiore senza perdere la qualità dell’immagine.

Si prega di notare che la compressione dell’obiettivo non è correlata all’obiettivo, ma alla distanza dal soggetto (Es. È possibile ottenere lo stesso campo visivo e la stessa prospettiva riprendendo un elemento con una lunghezza focale corta come 20 mm o ritagliando la stessa area da un 50 mm, a condizione che entrambe le immagini siano scattate dalla stessa distanza).

Qual è la lunghezza di un un teleobiettivo? Per una fotocamera 35 mm a pieno formato, qualsiasi obiettivo più lungo della normale gamma 50 mm. La lunghezza di questo obiettivo può variare tra 85mm e 2000mm o più.

Gli obiettivi più popolari in questa gamma includono 85mm, 100mm, 105mm, 105mm, 135mm, 200mm, o più lunghi. Gli zoom sono tipicamente nella gamma 70-200mm e 150-500mm.

Hanno anche una profondità di messa a fuoco inferiore rispetto agli obiettivi di lunghezza inferiore, che possono causare interessanti effetti di messa a fuoco selettiva.

Quando un fotografo parla di bokeh in un obiettivo, si riferisce alla sfocatura degli elementi fuori fuoco dell’immagine, un effetto facilmente ottenibile con un obiettivo di lunghezza lunga.

 

LUNGHEZZA FOCALE STANDARD

Le lunghezze focali standard vanno da 35 mm a 50 mm a seconda del tipo di sensore della telecamera. Il campo visivo fornito dalle lunghezze focali standard approssima il campo visivo dell’occhio umano.

Le immagini scattate con una lunghezza focale standard mostrano una prospettiva naturale senza distorsioni.

 

OBIETTIVI ALL IN ONE

Gli obiettivi All-In-One sono diventati un tipo di obiettivo molto popolare.Questo obiettivo permette al fotografo di scattare quasi ogni tipo di foto utilizzando un unico obiettivo. L’obiettivo può variare da un grandangolo significativo, a un teleobiettivo lungo, e può anche avvicinarsi alla capacità di messa a fuoco da vicino.

Qual è la lunghezza di un obiettivo all-in-one? Per il formato full-frame, la gamma è tipicamente di 24-200mm o 35-300mm. Nel formato di una fotocamera con sensore di crop, l’obiettivo può avere una portata ancora maggiore ed essere comunque di dimensioni, peso e costo ragionevoli. La maggior parte delle fotocamere con sensore di crop si trova nella gamma 18-300mm.

Ci sono però alcuni limiti a questi obiettivi. Per mantenere dimensioni, peso e costi contenuti, è improbabile che gli obiettivi all-in-one siano molto veloci, il che significa che non avranno una grande apertura. Anche se la qualità dell’immagine può essere buona, in genere non sono così nitidi come gli altri obiettivi sulle lunghezze.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER PRINCIPIANTI.

Il 50mm è di gran lunga l’obiettivo da starter più popolare, in quanto trova un buon equilibrio tra campo visivo e profondità di campo, e non richiede alcuna modifica della lunghezza focale per produrre un’immagine nitida.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA DI VIAGGIO.

La fotografia di viaggio è unica nel senso che si vuole viaggiare leggeri, ma si ha la possibilità di catturare molti dettagli. Un obiettivo zoom standard consente di regolare la lunghezza focale, offrendo una flessibilità sufficiente per ottenere ogni scatto.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA SPORTIVA.

teleobiettivi zoom offrono lunghezze focali più lunghe, ideali per catturare scene d’azione da lontano.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA DI PAESAGGIO.

Prima di partire per un’avventura all’aperto, prendete in considerazione l’idea di prendere due obiettivi: un grandangolo (o ultragrandangolare), così come un obiettivo standard. Con la fotografia di paesaggio, si vuole avere la flessibilità di catturare sia la scala che i dettagli.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA DI RITRATTO.

Gli obiettivi fissi (noti anche come obiettivi primari) con lunghezze focali comprese tra 35 mm e 70 mm sono ideali per la fotografia di ritratti. La mancanza di opzioni di zoom su un obiettivo fisso garantisce la chiarezza dell’immagine per i ritratti (quindi nessun viso sfocato o sfocato).

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA MACRO.

Un teleobiettivo di almeno 200 mm è il migliore per la fotografia macro. La lunghezza focale di questo potente obiettivo può catturare sottili dettagli da lontano.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA DI ARCHITETTURA.

Un obiettivo grandangolare standard ha un campo visivo decente per catturare la maggior parte, se non tutto, di un edificio o di un paesaggio urbano.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA DI STRADA.

Come per la fotografia di ritratto, la fotografia di strada beneficia dell’aspetto unico e chiaro che gli obiettivi fissi standard producono. Se volete essere creativi, tuttavia, optate per un obiettivo zoom standard e utilizzate le lunghezze focali per giocare con le dimensioni del soggetto in relazione allo sfondo.

 

IL MIGLIOR OBIETTIVO PER LA FOTOGRAFIA NATURALISTICA.

I teleobiettivi zoom sono utili per situazioni potenzialmente pericolose, o scenari in cui si desidera catturare una scena senza disturbare i soggetti. La fauna selvatica può essere imprevedibile, e un teleobiettivo con una lunga lunghezza focale aiuta a mantenere una distanza sufficiente tra voi stessi e la fauna selvatica mentre si scatta.

 

COS’È UNA CROP-SENSOR CAMERA?

Una fotocamera APS-C,  ha un sensore più piccolo (o ritagliato) rispetto alla sua controparte a pieno formato da 35 mm.

La differenza più evidente associata a questo sensore è il suo “fattore di crop”. Il fattore di ritaglio si riferisce all’ingrandimento del campo visivo quando si guarda attraverso il mirino.

Le fotocamere digitali con fattore di ritaglio sono alcune delle fotocamere DSLR e ILC più prodotte sul mercato. Le fotocamere a fattore di taglio tendono anche ad avere un prezzo più basso rispetto alle fotocamere a pieno formato.

Il formato più comune dei crop-sensor è il formato APS-C, con un fattore di crop di 1,5x. Un altro formato molto popolare per le fotocamere digitali è il formato 4/3rds o micro 4/3rds (MFT) con un fattore di ritaglio di 2x.

Confrontiamo la differenza tra una telecamera con sensore di ritaglio (fattore di ritaglio 1,5x) e un sensore a pieno formato:

Un obiettivo da 50 mm su una fotocamera con sensore a pieno formato avrà un campo visivo di 50 mm.
Un obiettivo da 50 mm su una fotocamera con sensore di crop ha un campo visivo apparente di 75 mm, poiché 50 mm x 1,5 = 75 mm.

In termini profani, l’obiettivo da 50 mm “sentirà e si comporterà” come un obiettivo da 75 mm quando si trova su una fotocamera con sensore di crop.

Il fattore crop permette ai produttori di macchine fotografiche e di lenti di offrire alcune scelte di obiettivi molto interessanti. Oltre agli obiettivi del kit standard da 18-55mm o giù di lì, gli obiettivi all-in-one sono anche disponibili a prezzi ragionevoli. Non è insolito vedere 18-300mm in un obiettivo in formato APS-C.

Con un crop-sensor, i teleobiettivi possono diventare super teleobiettivi! Un obiettivo 150-600mm finisce per fornire il campo visivo e l’ingrandimento equivalente di un obiettivo 900mm su una fotocamera con sensore full frame.

Immaginate di adattare un telescopio astronomico amatoriale da 2000 mm ad un APS-C o anche ad una fotocamera con sensore MFT. Ciò equivale a un teleobiettivo estremo di 3000mm o 4000mm. Wow, davvero.

La stessa cosa vale per le fotocamere di formato più grande, ma al contrario. Una fotocamera di medio formato può avere un obiettivo normale con una lunghezza focale di 80mm o anche 100mm, a seconda delle dimensioni del formato. Nelle fotocamere a pellicola di grande formato, il fattore di ritaglio al contrario ci dà obiettivi normali nella gamma 150mm e 210mm.

Alcuni utenti professionali richiedono questi formati più grandi. Alcuni fotografi possono apprezzare questo formato semplicemente per il loro amore per questa forma d’arte.

Lunghezze maggiori (il numero di millimetri più alto) provocano una compressione. La compressione è un fenomeno prodotto da lenti di lunghezza focale più lunga in cui lo sfondo sembra appiattito e tirato più vicino ad un soggetto.

La compressione dell’obiettivo può migliorare il bokeh e la sfocatura dello sfondo nelle immagini, un effetto ricercato da molti fotografi ritrattisti, o da chiunque voglia isolare un soggetto dall’ambiente circostante.

Un angolo più ampio e una lunghezza ridotta producono l’effetto opposto. Può far sembrare che il paesaggio  vada avanti all’infinito. La grande profondità di messa a fuoco ottenuta utilizzando piccole aperture in un obiettivo grandangolare può avvicinare lo spettatore, facendolo sentire come se fosse all’interno dell’immagine.

IN CHE MODO LA LUNGHEZZA FOCALE INFLUENZA UN’IMMAGINE?

Una chiave per comprendere la lunghezza focale è riconoscere come cambia l’aspetto dell’immagine utilizzando lenti con lunghezze focali diverse. Utilizzando un obiettivo grandangolare, gli elementi in primo piano vengono enfatizzati, mentre gli elementi di sfondo vengono spinti ancora più lontano, sembrando più piccoli di quanto non siano realmente.

Quando entriamo nelle normali lunghezze focali, che sono più vicine alla nostra visione umana (come il 35mm), questo effetto è da sottile a invisibile. Tuttavia, una volta raggiunti gli angoli di visione del teleobiettivo, lo sfondo sembra essere più vicino al soggetto. Questo effetto aumenta di pari passo con il vostro obiettivo in mm.

La lunghezza focale che scegliamo influisce sull’immagine finale. Inoltre, il campo visivo e le distorsioni dell’obiettivo influenzano fondamentalmente il tipo di fotografia che si fa.

Per esempio, se uso una lunghezza focale corta nella fotografia di ritratto, le parti del corpo che mi sono più vicine possono essere sottolineate in modo poco lusinghiero. D’altra parte, in generi come la fotografia di paesaggio, è più comune vedere immagini scattate con un grandangolo, non solo per catturare l’intera scena in una singola immagine ma per enfatizzare gli elementi in primo piano.

 

QUAL È LA DIFFERENZA TRA LUNGHEZZA FOCALE E DISTANZA FOCALE?

La lunghezza focale in fotografia viene fuori molto più spesso della distanza focale, che è una proprietà completamente diversa di un obiettivo. La distanza focale è correlata alla lunghezza focale, ma non dipende da essa.

La distanza focale è la distanza tra il soggetto che si sta mettendo a fuoco e il sensore della fotocamera. Gli obiettivi che possono lavorare a distanze focali ravvicinate hanno un ingrandimento (o rapporti di riproduzione) più elevato rispetto agli obiettivi che richiedono di stare lontani dal soggetto.

Gli obiettivi macro hanno il più alto ingrandimento grazie alla loro costruzione unica, che riduce la distanza focale entro cui operano e consente di mettere a fuoco in soggetti molto vicini.

 

QUAL È LA DIFFERENZA TRA LUNGHEZZA FOCALE E PROFONDITÀ DI CAMPO?

La lunghezza focale e la profondità di campo sono proprietà diverse sia di un obiettivo che di un sensore, ma sono in qualche modo correlate. La profondità di campo è la quantità di una scena a fuoco nitida. Quanto è stretta o larga la profondità di campo è un’interazione tra la lunghezza focale, le dimensioni del sensore, la distanza del soggetto e il valore dell’apertura.

Nella relazione tra lunghezza focale e profondità di campo, quando tutti gli altri valori sono uguali, le lunghezze focali corte (o gli ampi angoli di campo) hanno una profondità di campo più profonda rispetto alle lunghezze focali lunghe (campi visivi stretti). Quindi, più lunga è la lunghezza focale, maggiore sarà la distanza iperfocale.

Ci sono applicazioni e siti web che permettono di calcolare la profondità di campo per una data lunghezza focale, apertura, distanza del soggetto e sensore.

Esempi di lunghezza focale

La lunghezza focale può sembrare un po’ astratta quando si guarda una lente contro l’altra. Uno dei modi più semplici per capire la lunghezza focale è guardare le immagini che utilizzano gli obiettivi in questione! Ecco alcuni esempi di lunghezza focale da prendere in considerazione:

Dimensione del sensore rispetto al campo visivo

Al giorno d’oggi abbiamo APS-C, Micro 4/3rds, medio formato e full-frame, che utilizzano tutti una descrizione della lunghezza focale dell’obiettivo incentrata su un’attrezzatura a pellicola 35mm. Anche se questo aveva un senso quando è iniziata la rivoluzione digitale, al giorno d’oggi è spesso semplicemente confuso da analizzare.

Prendendo il fattore di ritaglio di un sensore specifico e moltiplicandolo per il campo visivo, otteniamo il campo visivo come se fosse visto nello standard 35mm.

Sottolineo che otteniamo il campo visivo perché, ancora una volta, la lunghezza focale dell’obiettivo è intrinseca a un obiettivo. Un obiettivo Micro 4/3rds da 25 mm ha un campo visivo di 50 mm a pieno formato. Tuttavia, rimane un obiettivo da 24 mm con le proprietà di distorsione di un obiettivo da 24 mm; non è magicamente un obiettivo da 50 mm.

La comprensione della lunghezza focale in fotografia può sembrare un po’ opprimente quando si cerca di spiegare tutti i modi in cui cambia le proprietà di un’immagine. Di seguito, ho delineato le differenze di lunghezza focale tra i principali campi di vista.

Confrontando le lunghezze focali, è possibile selezionare gli obiettivi che meglio si adattano alle proprie esigenze!

 

LENTE STANDARD

Gli obiettivi normali o standard hanno una lunghezza focale compresa tra 35mm e 50mm a pieno formato. Nel confronto tra i vari formati, hanno un campo visivo equivalente a quello di un obiettivo normale. Questi obiettivi riproducono al meglio il modo in cui vediamo il mondo.

Gli obiettivi standard o le lunghezze focali medie sono adatti a fotografare molti generi diversi come il ritratto, la fotografia di strada, il paesaggio, ecc.

 

TELEOBIETTIVO

I teleobiettivi sono quelli oltre il 50mm. Questi obiettivi sono anche fisicamente più lunghi degli obiettivi larghi e normali. Il campo visivo è più piccolo ma si guadagna una portata significativa.

Queste lunghe lunghezze focali sono perfette per i ritratti ravvicinati, la natura e per catturare i dettagli di una scena.
quale lunghezza focale ha un teleobiettivo

 

SUPER TELEOBIETTIVO

I super teleobiettivi hanno lunghezze focali molto diverse, che vanno dal 300mm in poi. Quando si considerano la lunghezza focale e il campo visivo, il fattore di crop è incredibilmente importante perché si possono ottenere quantità significative di portata utilizzando un sensore il come Micro 4/3rds.

Queste lunghezze focali super lunghe sono di solito più costose, ma permettono di catturare soggetti da una distanza molto lontana come nella fotografia sportiva e della fauna selvatica, e di fotografare altri generi come l’astrofotografia.

ZOOM CONTRO PRIME LENS

Gli obiettivi Prime e zoom sono un altro aspetto della spiegazione della lunghezza focale da considerare.

Gli obiettivi zoom sono così comuni che spesso trovo che i non fotografi rimangano perplessi quando consegno loro una macchina fotografica con un obiettivo prime!

Ruotando il barilotto di un obiettivo zoom, è possibile regolare la lunghezza focale e il campo visivo dell’obiettivo, il che influisce sulla profondità di campo, sulla distorsione e su tutti gli altri aspetti dell’immagine.

Tuttavia, l’utilizzo di un obiettivo principale significa che è necessario muoversi fisicamente per creare un determinato campo visivo. Quale tipo di obiettivo sia migliore è una domanda vecchia di secoli e dipende dalle vostre preferenze personali!

Lente primaria

Un obiettivo primario non può essere regolato e la sua lunghezza focale e il suo campo visivo sono fissi. Il compromesso per la flessibilità della lunghezza focale è di solito un’apertura più ampia e una migliore qualità dell’immagine, perché l’obiettivo principale può essere ottimizzato per il suo angolo di visione. Di solito, ma non sempre; alcuni obiettivi zoom di alta qualità al giorno d’oggi sono assolutamente paragonabili agli obiettivi primari in termini di qualità per una data lunghezza focale.

Obiettivo zoom

Gli obiettivi zoom della fotocamera permettono di cambiare l’angolo di visione senza muoversi e sono più versatili degli obiettivi principali. Il rovescio della medaglia è che le aperture massime non sono di solito veloci come le lenti prime più veloci. Per esempio, uno zoom f/1,4 sarebbe ridicolmente costoso e massiccio.

Comprendere la capacità di zoom della vostra fotocamera vi aiuta a sapere che tipo di immagini potete ragionevolmente aspettarvi di scattare. Proprio come con una fotocamera con obiettivo intercambiabile (ILC), la fotocamera avrà una gamma di lunghezza focale che vi dirà le proprietà dell’obiettivo.

Le lunghezze focali delle fotocamere a lente fissa possono anche essere moltiplicate per il fattore di ritaglio del sensore per poterlo confrontare tra i vari formati. Questo è generalmente importante solo se si sta cercando di replicare uno sguardo attraverso le lunghezze focali; cioè si sa che si vuole uno stile di ritratto a pieno formato da 135 mm.

Conclusione

La lunghezza focale della lente è un argomento dalle sfumature sorprendenti! Una semplice misurazione fisica porta a così tante considerazioni che entrano nel modo in cui un’immagine è composta. Dall’angolo di vista alla profondità di campo, nessun aspetto di una fotografia rimane intatto.

Se si tende a specializzarsi in qualsiasi tipo di fotografia, è fondamentale capire come la lunghezza focale influisce sull’immagine, in modo da avere un’idea più chiara del tipo di obiettivo con cui si dovrebbe fare shopping, nonché dell’impatto che hanno su un soggetto e sullo sfondo.

Lascia un commento