Quali oli essenziali fanno bene alla pelle?

I benefici dell’uso degli oli essenziali sulla pelle sono molteplici, dalle proprietà lenitive e di bellezza a quelle che favoriscono la salute. Esistono decine di oli essenziali con proprietà diverse e il migliore per voi dipenderà dalle vostre preferenze individuali. L’olio essenziale di lavanda, ad esempio, è ottimo per combattere i danni dei radicali liberi. L’olio di camomilla, invece, equilibra i livelli di idratazione della pelle. L’olio di sandalo regola la produzione di olio.

L’olio essenziale di lavanda combatte i danni dei radicali liberi
L’olio essenziale di lavanda è un antinfiammatorio naturale che combatte i danni dei radicali liberi sulla pelle. Aiuta a ripristinare il tono della pelle e a ridurre gli arrossamenti e le discromie. Le sue proprietà antinfiammatorie sono utili per trattare la pelle a tendenza acneica, le rughe e le linee sottili. L’olio di lavanda è anche efficace per trattare le infiammazioni dolorose. L’olio è ricco di beta-cariofillene, che agisce come antinfiammatorio naturale.

Le proprietà antibatteriche dell’olio essenziale di lavanda lo hanno reso una scelta popolare per la guarigione delle ferite. È stato usato per secoli come antisettico per trattare ferite minori e gravi. Inoltre, aiuta a riparare i tessuti cutanei danneggiati e riduce le cicatrici. L’olio di lavanda può essere usato da solo o mescolato con olii vettore per creare un siero per il viso di uso quotidiano.

L’olio essenziale di lavanda contiene anche antiossidanti, che possono aiutare a combattere lo stress ossidativo. I radicali liberi causano danni alla pelle, provocandone l’invecchiamento. L’olio di lavanda aiuta a ripristinare l’elasticità della pelle e a rigenerare il collagene e l’elastina. Se applicato direttamente sulla pelle, può essere assorbito rapidamente, per cui si possono vedere i risultati entro una settimana.

L’olio essenziale di lavanda è generalmente considerato sicuro per le donne in gravidanza e in allattamento. Tuttavia, è importante consultare un medico prima di applicare la lavanda sulla pelle. Pur essendo un olio essenziale delicato, la lavanda può causare irritazioni cutanee in alcune persone. In caso di pelle sensibile, è necessario effettuare un patch test prima di applicare la lavanda sulla pelle.

L’olio di camomilla riequilibra i livelli di idratazione della pelle
L’olio di camomilla è un ottimo olio da usare per la pelle, ma assicuratevi di diluirlo con un olio vettore come cocco, oliva o jojoba. L’olio può anche essere aggiunto a creme e lozioni. È disponibile in diverse forme, in modo da poterne trovare una adatta alle proprie esigenze.

L’olio contiene una sostanza chiamata apigenina, che ha dimostrato di migliorare la funzione di barriera della pelle. La barriera cutanea è lo strato più esterno della pelle e può essere compromessa da prodotti aggressivi e condizioni ambientali. Quando la barriera è compromessa, permette alle sostanze irritanti di penetrare e causare eruzioni cutanee e infiammazioni.

L’olio di camomilla viene spesso applicato per via topica come idratante della pelle, ma può anche essere utilizzato nei bagni per lenire la pelle e alleviare lo stress. Può anche essere aggiunto a un diffusore di oli essenziali per favorire il rilassamento e alleviare i dolori. Può anche aiutare a risolvere i problemi digestivi e a ridurre i sentimenti di ansia.

L’olio di camomilla è eccellente anche per calmare e riequilibrare la pelle secca. Riequilibra i livelli di idratazione della pelle ed è un efficace detergente e idratante per il viso. È utile anche per la pelle grassa, poiché aiuta a controllare la produzione di sebo in eccesso. Tuttavia, è meglio evitare ingredienti cosmetici aggressivi sul viso.

L’olio di sandalo regola la produzione di olio
L’olio di sandalo viene estratto dalle radici dell’albero di sandalo. Viene utilizzato in cosmetica da oltre 200 anni ed è comunemente usato nei prodotti per la cura della pelle maschile. È un tensore naturale della pelle e aiuta a prevenire peli incarniti, punti neri e pori dilatati. Si ritiene inoltre che migliori la chiarezza mentale e promuova la pace mentale. Originariamente veniva usato per trattare le malattie veneree e fu aggiunto alle farmacopee nel XIX secolo. Si dice che il profumo dell’olio di sandalo promuova un senso generale di armonia e pace.

Il governo indiano ha iniziato a regolamentare la produzione di olio di sandalo circa 250 anni fa, quando solo le tenute stabilite potevano raccogliere il legno. Oggi le norme sono più morbide, anche se continuano a dettare i metodi di raccolta e di vendita dell’olio. Ciò significa che l’industria si sta muovendo in una direzione più responsabile.

Il legno di sandalo viene utilizzato in diversi prodotti, tra cui profumi e prodotti per l’aromaterapia. Le varietà migliori contengono dal sei al dieci per cento di olio di sandalo in peso secco, mentre le altre specie ne producono meno del due per cento. L’olio viene estratto dal durame e dalle radici dell’albero con un processo noto come idrodistillazione, che richiede dalle 48 alle 72 ore.

Il governo statale controlla la raccolta del sandalo, limitandola a 2.000 tonnellate all’anno. Il governo statale regola anche le aree in cui gli alberi possono essere coltivati. I semi vengono piantati nelle aree in cui viene raccolto il sandalo per massimizzare la germinazione dei semi e ridurre al minimo il rischio di una relazione parassitaria. Nonostante ciò, il costo dell’olio di sandalo è aumentato a causa della scarsità e dell’aumento della domanda. Per questo motivo, l’olio di sandalo sintetico ha sostituito quello naturale.

L’olio di salvia sclarea riduce le infiammazioni
L’olio di salvia sclarea è un olio molto versatile e può essere utilizzato per via topica per ottenere diversi benefici per la salute. Ha proprietà antinfiammatorie e antibatteriche, ottime per la pelle. È utile anche per guarire le ferite e può ridurre gli effetti di eruzioni cutanee e acne. Inoltre, è utile per migliorare l’umore. La salvia sclarea può essere aggiunta al bagno o mescolata con un olio vettore.

L’olio di salvia sclarea è anche benefico per l’apparato digerente. Favorisce il rilascio degli enzimi digestivi e della bile, rendendo il processo di digestione molto più fluido. Questo, a sua volta, aiuta a prevenire diarrea e indigestione. Inoltre, l’olio di salvia sclarea ha proprietà antispasmodiche che riducono la probabilità di crampi inutili. Può essere utilizzato anche come rimedio naturale per le donne che soffrono di menopausa.

È stato dimostrato che l’olio di salvia sclarea migliora la circolazione, riduce lo stress e aumenta l’umore. In alcuni studi ha dimostrato di essere utile anche per abbassare la pressione sanguigna e mantenere la salute cardiovascolare. Inoltre, l’olio di salvia sclarea è risultato efficace contro diversi ceppi batterici. È stato anche utilizzato in applicazioni antidepressive per aiutare a combattere la depressione.

L’olio di salvia sclarea è anche un efficace antimicrobico. Ha proprietà antibatteriche e antimicotiche e può aiutare a trattare le infezioni della pelle, come l’acne. Può essere applicato direttamente sulla zona interessata o combinato con altri trattamenti.

Il tea tree oil combatte le infezioni
L’olio di tea tree ha un ampio spettro di attività antibatterica, antimicotica e antivirale, il che significa che può combattere un’ampia varietà di malattie. È particolarmente utile nel trattamento delle infezioni virali, tra cui il comune raffreddore e gli orecchioni. Aiuta anche a combattere l’influenza, il morbillo e i virus simil-influenzali. Sebbene i ricercatori stiano ancora valutando i benefici del tea tree oil, esistono diversi modi in cui può essere utilizzato per combattere le infezioni.

L’olio di tea tree è un antisettico molto efficace e può essere applicato su tagli minori per disinfettarli. L’olio agisce uccidendo i batteri che causano infezioni quando vivono in ferite aperte. È possibile applicare una miscela di olio di tea tree e olio di cocco sulla zona interessata ogni giorno fino a quando la ferita non sviluppa una crosta. In questo modo si evita che i tagli si infettino e si favorisce la guarigione della ferita.

Il tea tree oil ha anche proprietà insetticide. Può aiutare a eliminare i pidocchi, insetti parassiti che si nutrono di sangue umano. Uno studio di laboratorio condotto in Italia ha esaminato l’efficacia del tea tree oil nell’eliminare i pidocchi. È stato confrontato con un altro olio essenziale comune, il nerolidolo, e testato a diverse concentrazioni. Si è dimostrato più efficace del nerolidolo, causando il 100% di mortalità entro 30 minuti dall’esposizione.

Un altro vantaggio del tea tree oil è che è un efficace agente antisettico e antibatterico. È anche un trattamento efficace per le condizioni della pelle ed è un ingrediente popolare nei prodotti per la cura della pelle. Viene utilizzato anche per trattare l’acne e prevenirne le recidive. Alcune persone hanno una sensibilità cutanea all’olio di tea tree, quindi è consigliabile utilizzare l’olio di tea tree con olio di oliva, cocco o mandorle per ridurre al minimo il rischio di irritazione della pelle.