Sistema Immunitario Bambini Integratore Dove Comprarlo

Vuoi potenziare il sistema immunitario di tuo figlio con un integratore?

I bambini piccoli sono particolarmente vulnerabili a varie malattie durante i mesi autunnali e invernali. I genitori a volte sentono che non appena il loro bambino si riprende da una malattia, ne segue un’altra. Così continua con il naso che cola fino a primavera… I genitori poi chiedono spesso ai pediatri se una cosa del genere è “normale”, cioè che il loro bambino è “quasi costantemente malato”.

Come possiamo potenziare il sistema immunitario del bambino?

Il livello di immunità del corpo è correlato a quanto è ben nutrito il bambino e all’ambiente a cui è sottoposto – se l’ambiente non è inquinato o se la famiglia fuma ecc. Tutto ciò influisce sull’immunità non specifica. Quando si vive in un ambiente altamente inquinato, le difese primarie vengono danneggiate e questo facilita ulteriormente l’ingresso di batteri e virus nell’organismo. L’indebolimento generale quando l’organismo è sottoposto al freddo e non abbastanza resistente permetterà all’organismo di essere infettato più facilmente. Cerchiamo quindi di scoprire se l’organismo ha anche un’immunità specifica indebolita, sia antivirale che anticorpale. La soluzione sta nel supporto di follow-up e nella somministrazione dei farmaci appropriati, e a stimolatori del sistema immunitario.

Soprattutto durante i mesi invernali è possibile rafforzare il sistema immunitario dei bambini utilizzando la medicina erboristica. Questi possono essere vari estratti derivati da funghi, piante o lieviti sulla base di specifiche raccomandazioni di pediatri esperti. Un’alimentazione adeguata e sufficiente insieme ad un apporto di vitamina D gioca un ruolo indispensabile. La vitamina D influisce non solo sulla crescita del bambino, ma anche sul sistema immunitario nei periodi in cui c’è poca luce solare. Questo vale sia per gli adulti che per i bambini.

Sistema Immunitario Bambini Integratore Dove Comprarlo

Omegor Kids capsule | 250mg di omega-3 DHA per bambini | Squisite capsule morbidi, in gelatina di pesce, dolcificate e masticabili | Gusto tutti i frutti, 60 cps
  • ✅ OMEGA-3 PER BAMBINI. Ai bambini di solito non piace mangiare pesce e, spesso, hanno una dieta carente di omega-3, così essenziali...
  • ✅ DHA PER LA VISTA E IL CERVELLO. L’ omega-3 DHA è uno dei costituenti fondamentali delle membrane del sistema nervoso centrale ed...
  • ✅ VITAMINA D3 PER LE OSSA E I DENTI. La vitamina d3 è una vitamina lipofila molto importante per diverse funzioni: - è importante...
  • ✅ TECNOLOGIA BREVETTATA Le capsule di Omegor Kids masticabili sono prodotte con una tecnologia brevettata che rimuove il sapore e...
  • ✅ CONFEZIONE CONVENIENZA. La dose raccomandata di 2 capsule al giorno garantisce il 100% del fabbisogno di omega-3 DHA ed EPA e di...
Offerta
Vitasohn Junior 90 Cpr - Integratore alimentare multivitaminico minerale per bambini - NO Glutine
  • Indicata nei casi di ridotto apporto nella dieta o di aumentato fabbisogno fisiologico di taluni nutrienti
  • Codice del prodotto: SOH0100006
  • Formato 9gr
Sciroppo Difese Naturali - Infezioni Respiratorie Ricorrenti - Buona Difesa sciroppo
  • Flacone da 150 ml con tappo dosatore
  • Rinforza il sistema immunitario del bambino
  • Contro le infezioni respiratorie ricorrenti
  • A base di Propoli, Echinacea, Rosa canina e Zinco
  • Senza glutine e lattosio

 

 

In generale, il termine “disturbo immunitario” riguarda gli aspetti del nostro sistema immunitario che ci proteggono dalle sostanze estranee quando entrano nel nostro corpo per prevenire le malattie. Tuttavia, il sistema immunitario è eccezionalmente complesso. Da un lato, si tratta della reazione dell’organismo alla penetrazione nel nostro corpo di microrganismi (microbi, batteri, ecc.). Da un lato, invece, è l’opposto dell’immunità, cioè delle allergie, in cui un organismo reagisce agli antigeni in modo sproporzionato e in modo intensivo. Spesso si tratta di fattori scatenanti che in genere non sono nocivi per noi (polvere, polline e altro). L’altro estremo è l’autoimmunità, uno stato in cui reagiamo agli antigeni del nostro stesso organismo come se fossero sostanze estranee.
Nei bambini molto piccoli, il tipo di nascita può influenzare la loro immunità

Con gli adulti, il sistema immunitario è completamente sviluppato. Tuttavia, con i bambini, inizia a svilupparsi solo dopo la nascita. I neonati possono quindi essere paragonati a un foglio di carta bianca in cui le prime righe del testo vengono scritte alla nascita stessa – cioè l’esposizione agli antigeni quando passano attraverso il canale del parto e vi vengono sottoposti direttamente.

Nei primi mesi di vita del bambino, il bambino è ancora protetto dagli anticorpi introdotti nel suo flusso sanguigno dalla madre. Tuttavia, questi scompaiono gradualmente e il bambino inizia a formare i propri anticorpi contro i singoli antigeni dopo essere stato sottoposto ad essi. “Per questo motivo è molto importante che il parto avvenga in modo naturale, dove il tratto digestivo sterile del bambino viene colonizzato dalla flora fisiologica della madre quando viaggia attraverso il canale del parto. Questo non è il caso dei bambini che nascono attraverso un parto cesareo. La nascita attraverso un parto cesareo è una tendenza crescente per cui abbiamo molti più bambini nati attraverso il parto cesareo che spontaneamente. Questo è poi collegato al fatto che la colonizzazione del loro tratto digestivo non è del tutto fisiologica. Inoltre, a meno che il bambino non venga allattato al seno, la struttura della flora è diversa da quella dei bambini nati naturalmente”.

I bambini nati attraverso i cesarei e non allattati al seno hanno una flora batterica diversa nel tratto digestivo rispetto a quella che dovrebbe essere effettivamente bifidogenica. Possono quindi essere svantaggiati per quanto riguarda l’ulteriore sviluppo del sistema immunitario, soprattutto quando si tratta di allergie. Questo “deficit” si verifica perché il loro tratto digestivo subisce un ritardo nella colonizzazione da parte dei lattobacilli che dovrebbero essere già presenti in condizioni normali. La loro cosiddetta flora bifidogenica è spesso un po’ diversa da quella degli altri bambini. “I bambini nati attraverso i cesarei hanno maggiori probabilità di essere sensibilizzati agli antigeni inalabili e all’asma rispetto ai bambini nati attraverso la vagina.
Una maggiore esposizione alle malattie è spesso necessaria durante il periodo di nursery

Frequentare un asilo nido rappresenta un’importante pietra miliare per un bambino per diversi motivi. Questo è importante anche dal punto di vista dello sviluppo del sistema immunitario. Il passaggio da un ambiente relativamente isolato della famiglia ad un collettivo di persone significa che il bambino è improvvisamente circondato da molte nuove fonti di malattie infettive che il bambino non ha ancora subito. È quindi spesso un periodo di tempo in cui il bambino può ammalarsi più spesso. Questo dipende però anche da quanto è sviluppato il sistema immunitario del bambino. Se è già ben sviluppato, la probabilità di infezione è molto più bassa. Quando il sistema immunitario è indebolito, il bambino è più soggetto a infezioni e si ammala più spesso.

La notizia positiva di tutto questo è che grazie alle varie malattie il sistema immunitario del bambino si sviluppa meglio. “Il sistema immunitario è naturalmente abbastanza forte da garantire che quando veniamo a contatto con un’infezione virale, batterica o qualsiasi altra infezione, siamo in grado di reagire ad essa, di subire la malattia ma non di soccombere ad essa. Di conseguenza, ne saremo immuni. La ripetuta esposizione alla stessa struttura antigenica (per esempio la varicella) farà sì che la malattia non si sviluppi. Naturalmente, la situazione cambia quando si è soggetti a una malattia con una struttura antigenica in qualche modo alterata – per esempio con l’influenza, dove la componente antigenica è diversa ogni anno e l’antigene del virus dell’influenza è leggermente diverso. La malattia si ripresenta quindi di nuovo. Questo accade anche e non solo durante l’infanzia con batteri comuni come gli streptococchi che causano malattie frequenti”.

In generale si può dire che i disturbi immunitari provocano una maggiore suscettibilità alle infezioni che tendono a ripetersi. Queste tendono a durare a lungo e gli individui trattati rispondono male alle cure, spesso con altre complicazioni. Un bambino con adenoidi ingrossate può essere considerato un tipico esempio associato ai disturbi immunitari. Tuttavia, “le adenoidi aumentate non sono un disturbo immunitario”. La causa principale non è un indebolimento del sistema immunitario, ma piuttosto un’ostruzione meccanica del rinofaringe. Questa situazione rappresenta un terreno fertile per i batteri che portano con sé le varie conseguenze” .

Un’infezione cronica, non trattata e mal gestita indebolisce il sistema immunitario, con conseguente indebolimento generale di tutto il corpo. “Sarei certamente preoccupato quando il bambino avrebbe avuto più di sei infezioni acute nell’arco di 6 mesi, cioè si sarebbe ammalato una volta al mese per un periodo compreso tra una settimana o dieci giorni. In tal caso, prenderei in considerazione l’esecuzione di test immunologici. Sarebbe bene andare da un pediatra che abbia abbastanza tempo da dedicare al bambino e ai genitori, capire la storia medica del bambino e come si è sviluppata la malattia. Anche il medico dovrebbe stabilire se il bambino si sottopone regolarmente a controlli preventivi e in caso di malattia al medico” . Con l’aiuto di esami specialistici è possibile determinare le cause di una malattia frequente e somministrare il trattamento appropriato.

 

Cosa potete fare per proteggere il vostro bambino dall’infinita serie di germi e virus a cui è esposto ogni giorno? Purtroppo, per certi versi, ammalarsi quando si è bambini fa semplicemente parte del lavoro. “Entriamo tutti in questo mondo con un sistema immunitario inesperto”, dice Charles Shubin, M.D., professore associato di pediatria all’Università del Maryland. Lentamente, i bambini si rafforzano l’immunità combattendo una serie di germi, virus e altri organismi – ecco perché molti pediatri considerano normali da sei a otto raffreddori, attacchi di influenza o infezioni all’orecchio all’anno. Ma ci sono abitudini sane che si possono adottare per dare un aiuto al sistema immunitario del bambino.

Servire più frutta e verdura. Carote, fagiolini, arance, fragole: Tutti contengono carotenoidi, che sono fitonutrienti che rafforzano il sistema immunitario.I fitonutrienti possono aumentare la produzione corporea di globuli bianchi e interferone, un anticorpo che ricopre le superfici delle cellule, bloccando i virus. Gli studi dimostrano che una dieta ricca di fitonutrienti può anche proteggere da malattie croniche come il cancro e le malattie cardiache in età adulta. Provate a far mangiare al vostro bambino cinque porzioni di frutta e verdura al giorno. (Una porzione è di circa due cucchiai per i più piccoli, 1 tazza per i più grandi).

 

Aumentare il tempo di sonno. Gli studi sugli adulti dimostrano che la privazione del sonno può rendere più suscettibili alle malattie riducendo le cellule killer naturali, le armi del sistema immunitario che attaccano i microbi e le cellule tumorali. Lo stesso vale per i bambini.I bambini dell’asilo nido sono particolarmente a rischio di deprivazione del sonno perché tutte queste attività possono rendere difficile il sonno.

Di quanto sonno hanno bisogno i bambini? Un neonato può avere bisogno fino a 16 ore di culla al giorno, i bambini piccoli hanno bisogno di 11-14 ore, mentre i bambini in età prescolare hanno bisogno di 10-13 ore.

Allattate il vostro bambino. Il latte materno contiene anticorpi che potenziano l’immunità  e i globuli bianchi. Protegge  dalle infezioni alle orecchie, dalle allergie, dalla diarrea, dalla polmonite, dalla meningite, dalle infezioni del tratto urinario e dalla sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Gli studi dimostrano che può anche aumentare la potenza cerebrale del vostro bambino e contribuire a proteggerlo contro il diabete insulino-dipendente, il morbo di Crohn, la colite e alcune forme di cancro più tardi nella vita. Il colostro, il sottile “premilatte” giallo che scorre dal seno durante i primi giorni dopo la nascita, è particolarmente ricco di anticorpi che combattono la malattia,si raccomanda alle mamme di allattare esclusivamente al seno per i primi sei mesi di vita. Se questo impegno non è realistico, puntare ad allattare al seno per almeno i primi due o tre mesi al fine di integrare l’immunità che il vostro bambino ha ricevuto in utero.

Esercizi fisico. La ricerca dimostra che l’esercizio fisico aumenta il numero di cellule killer naturali negli adulti – e l’attività regolare può portare benefici ai bambini allo stesso modo. Per far sì che i vostri bambini si abituino al fitness per tutta la vita, siate un buon modello di riferimento. “Esercitatevi con loro piuttosto che spingerli semplicemente ad andare fuori a giocare”. Le attività divertenti per la famiglia includono l’andare in bicicletta, l’escursionismo, il pattinaggio in linea, la pallacanestro e il tennis.

Protezione contro la diffusione dei germi. Combattere i germi non aumenta tecnicamente l’immunità, ma è un ottimo modo per ridurre lo stress sul sistema immunitario del vostro bambino. Assicuratevi che i vostri figli si lavino le mani spesso – e con il sapone. Dovreste prestare particolare attenzione alla loro igiene prima e dopo ogni pasto e dopo aver giocato all’aperto, maneggiando animali domestici, soffiandogli il naso, usando il bagno e arrivando a casa dall’asilo. Quando siete fuori, portate con voi salviette usa e getta per una rapida pulizia. Per aiutare i bambini a prendere l’abitudine di lavarsi le mani a casa, lasciate che scelgano i loro asciugamani colorati e il sapone in forme, colori e profumi divertenti.

Un’altra strategia chiave per sconfiggere i germi: “Se vostro figlio si ammala, buttate subito via il suo spazzolino“, dice Barbara Rich, D.D.S., portavoce dell’Accademia di Odontoiatria Generale. Un bambino non può prendere lo stesso virus del raffreddore o dell’influenza due volte, ma il virus può saltare da uno spazzolino all’altro, infettando gli altri membri della famiglia. Se invece si tratta di un’infezione batterica, come lo streptococco alla gola, il bambino può reinfettarsi con gli stessi germi che l’hanno fatto ammalare.

Bandite il fumo passivo. Se tu o il tuo coniuge fumate, smettete di fumare. Il fumo di sigaretta contiene più di 7.000 sostanze chimiche nocive, molte delle quali possono irritare o uccidere le cellule del corpo. I bambini sono più suscettibili degli adulti agli effetti nocivi del fumo passivo perché respirano a un ritmo più veloce; anche il sistema di disintossicazione naturale di un bambino è meno sviluppato. Il fumo passivo aumenta il rischio di SIDS, bronchite, infezioni alle orecchie e asma. Può anche influenzare l’intelligenza e lo sviluppo neurologico.

Gli studi dimostrano, tuttavia, che molti pediatri prescrivono gli antibiotici un po’ a malincuore su sollecitazione dei genitori che erroneamente pensano che non possa far male. In realtà, può. I ceppi di batteri resistenti agli antibiotici sono fioriti come risultato, e una semplice infezione dell’orecchio è più difficile da curare se è causata da batteri ostinati che non rispondono al trattamento standard. Ogni volta che il pediatra del vostro bambino vuole prescrivere un antibiotico, assicuratevi che non lo prescriva solo perché pensa che lo vogliate. “Incoraggio vivamente i genitori a dire: “Credete che sia davvero necessario?

 

 

 

Ultimo aggiornamento 2020-07-05 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Forse ti interessa anche: